Cerca

Cesare Battisti ha un incubo: "Ho paura che mi uccidano"

Il terrorista intervistato da un quotidiano dell'estrema sinistra brasiliana: "Basta con le fughe, voltare pagina degli anni '60"

Cesare Battisti ha un incubo: "Ho paura che mi uccidano"
Cesare Battisti, dopo la mancata estradizione e il ritorno in libertà, non perde occasione per tacere. Il foglio disposto a raccogliere le sue dichiarazioni è Causa Operaria, quotidiano di partito brasiliano e vicino all'estrema sinistra. Il terrorista rosso, condannato all'ergastolo in Italia per quattro omicidi, ha dichiarato: "Speriamo di poter voltare la pagina degli anni '60 e che tutto possa essere risolto in altro modo, senza vendette tardive". Come dire: non ho saldato il conto con la giustizia e spero che qualcuno non cerchi di farmi pagare il fio in natura. Parole rilasciate da Battisti nella notte tra mercoledì e giovedì scorso, quando è uscito dal carcere, in risposto alla domanda del giornalista, che gli ha chiesto che significato avesse la sua liberazione.

La gioia del terrorista - Il giornale brasiliano di estrema sinistra ha scritto che Battisti, "con evidente gioia e rinnovata speranza, ha detto che non aveva pensato a niente di buono". Battisti ha poi aggiunto: "Ho bisogno di fermarmi un paio di giorni per riscattare la mia vita e cercare di mettere le cose a posto". Secondo quanto dichiarato dal terrorista, l'esperienza di essere libero dopo tanto tempo, "è ancora confusa, ma spero che sia anche la fine di anni di fughe". Tutto suona beffardo, pensando ai familiari delle sue vittime. Ma il terrorista rosso non è nuovo a trovate di questo tipo.

D'Alema: "Non so che si può fare" - Sul caso Battisti è tornato a parlare Massimo D'Alema, presidente del Copasir. "Il caso Battisti è un caso grave - ha sottolineato -. E' stato compiuto un errore molto grave dalle autorità brasiliane. Forse il Governo italiano non ha seguito con l'efficacia che sarebbe stata necessaria questa vicenda molto dolorosa". A chi gli ha poi chiesto se quella di Battisti sia o meno una vicenda in qualche modo rimediabile, D'Alema ha risposto: "Non lo so. So che il Governo intende fare ricorso alla corte dell'Aja, che è una cosa certamente giusta. Ma non so se questo avrà effetti concreti, perché purtroppo sono sentenze che hanno un valore puramente di principio ma non hanno una loro esecutività".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • z.signorini

    17 Giugno 2011 - 16:04

    Onestamente, non mi farebbe alcuna pena. Direi semplicemente una cosa : anche oggi un pò di spazzatura è stata tolta dalla strada. Non mi fa pena, vedendo il suo comportamento e quello che ha fatto a quelle persone uccise con vigliaccheria e senza motivazione. Persone del genere non meritano alcuna pietà.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    15 Giugno 2011 - 20:08

    Grazie-

    Report

    Rispondi

  • Plinio Marcos Moreira da Rocha

    15 Giugno 2011 - 18:06

    Ci rammarichiamo della decisione sull'estradizione di Cesare Battisti Prezados, Apresento o documento “Lamentamos a decisão sobre a Extradição Cesare Battisti”, http://pt.scribd.com/doc/57463116/Lamentamos-a-decisao-sobre-a-Extr... , onde, por não reconhecermos legitimidade, legalidade, Constitucionalidade, na transferência da decisão final da extradição de cesare battisti para o Presidente da República Federativa do Brasil, estamos, nos colocando à disposição do governo italiano, para que de forma Legítima, e Constitucional, a extradição em questão seja tratada. Afinal, para que um “Ato soberano” seja presumivelmente reconhecido, necessário, se faz, estar calcado no Direito Constituído DETERMINADO pela Constituição da República Federativa do Brasil, que implantou um Presidencialismo relativo, uma vez que, tem “alma parlamentarista”, que em essência, retirou muitos dos poderes históricos existentes em Presidencialismo absoluto. Em função do acima colocado, teimo em afirm

    Report

    Rispondi

  • noncirestachepiangere

    15 Giugno 2011 - 07:07

    Ma che bella sceneggiata napoletana! Tranquillo , nini, tanto lo sai che non succederà: per tua fortuna sei nato ed hai fatto l'assassino in Italia, non in Israele o in Francia!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog