Cerca

Clinton denuncia: "Gheddafi usa lo stupro come arma"

Il segretario Usa: "Raìs cerca di creare divisioni usando le violenze contro le donne e le aggressioni come strumenti di guerra"

Clinton denuncia: "Gheddafi usa lo stupro come arma"
Le prime vittime di Gheddafi sono le donne. E' da tempo che l'Onu denuncia sistematici casi di stupri, un' inchiesta è stata aperta  presso la Corte penale internazionale dell'Aja e ora, anche Hillary Clinton muove la denuncia. Il segretario di stato Usa ha accusato le truppe di Gheddafi di aver trasformato gli stupri e le "violenze contro le donne" in "strumenti di guerra". "Le forze di Gheddafi e di altri gruppi nella regione - ha dichiarato la Clinton in un comunicato - cercano di creare divisioni fra gli abitanti usando le violenze contro le donne e lo stupro come strumenti di guerra".

La condanna - "Gli Stati Uniti - ha aggiunto - condannano (tali azioni) nel modo più fermo". Il procuratore della Corte penale internazionale (Cpi), Luis Moreno-Ocampo, ha affermato la settimana scorsa che gli inquirenti hanno prove che Gheddafi ha ordinato stupri di massa e fa distribuire stimolanti chimici ai suoi soldati. Sherif Bassiouni, il capo della commissione d'inchiesta che ha preparato il rapporto dell'Onu sulla Libia, dove è stato lo scorso aprile, ha invece espresso dubbi sull'esistenza di una politica di stupri di massa da parte del regime libico, parlando di "gigantesca isteria" di una società che "si sente vulnerabile".

Donne coraggio - La Clinton ha avuto parole di elogio per  le "donne coraggiose" della Libia. quelle che si sono fatte avanti per raccontare le loro terribili esperienze di violenza nelle mani delle forze del colonnello. Il segretario poi lanciato un'inchiesta approfondita, per portare i reponsabili davanti alla giustizia. Condanna dura anche per le violenze sessuali in Medioriente e Nord Africa che si consumano come intimidazione nei confronti dei manifestanti che chiedono riforme. Di qui, stupri, aggressioni sessuali e addirittura "test di verginità".

Sulla Libia, leggi il commento di Maria Giovanna Maglie


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • migpao

    18 Giugno 2011 - 22:10

    mandiamogli la bindi e la turco in visita di stato, cosi' se la squaglia e la guerra finisce.

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    18 Giugno 2011 - 16:04

    Non sa più che inventare per giustificare l'obbrobrio anglo-francese. Visto cheè in prima linea potrebbe andare Lei, in Libia, e verificare di persona. Sono certo che si offrirebbe volontaria.

    Report

    Rispondi

  • scovafrottole

    18 Giugno 2011 - 13:01

    Ci tocca sentirle di tutti i colori: Dall' autorevolezza del Segretario di Stato veniamo a sapere che Gheddafi sta usando la fica delle libiche per combattere la guerra contro la Nato, mentre il suo capo abbronzato insiste a dire che questa non e' una guerra, ma una "missione" per far fiorire la "primavera araba".Per capire chi ha ragione non ci restano che i dadi.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    18 Giugno 2011 - 12:12

    e certamente anche i ribelli non si comportano da angioletti , anzi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog