Cerca

Pakistan, la kamikaze a 9 anni: era pronta a farsi esplodere

Choc nel distretto di Lower Dir: la piccola era stata rapita, sedata e imbottita di esplosivo. E' stata bloccata in tempo a un checkpoint

Pakistan, la kamikaze a 9 anni: era pronta a farsi esplodere
Le forze di sicurezza del Pakistan hanno bloccato nel nord-ovest del Paese una bambina kamikaze di soli nove anni che stava per compiere un attentato. La piccola è stata fermata in un checkpoint di paramilitari nel distretto di Lower Dir. A riferirlo è stato il capo della polizia locale, Salim Marwat. La bambina era stata rapita sabato dalla città di Peshawar ed era stata obbligata dai suoi sequestratori a indossare una cintura espolisva.

L'allarme è scattato quando un agente ha notato sul corpo un innaturale rigonfiamento. Dopo il controllo si è così scoperto che Suhana Ali, questo il nome della bambina, aveva indosso un giubbotto esplosivo pronto per essere attivato e deflagrare. "Sushana - ha spiegato una fonte della polizia - viene dall'area di Hashtngari. E' stata sequestrata da quattro persone, uomini e donne. Suo padre è handicappato e povero, mentre la madre è una sarta". Nel corso dell'interrogatorio, la piccola ha riferito che i suoi sequestratori le hanno somministrato dei sedativi: "Mi hanno ordinato di premere il bottone al momento di passare nel posto di controllo, ma la polizia mi ha fermato prima che vi arrivassi", ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tigrin della sassetta

    21 Giugno 2011 - 19:07

    “L’Islam, causa principale della decadenza tanto evidente nel mondo musulmano è religione letale per l’uomo: benché le sue tendenze sociali e politiche siano meno assurde di quelle del politeismo degli antichi, sono assai più pericolose e pertanto, rispetto al paganesimo, l’Islam è una forma di regresso anziché di progresso”. Alexis de Tocqueville (A Arthur de Gobineau – 1843). Opinione tragicamente attuale e vera persino se quella della bimba si rivelasse una bufala, anzi, a maggior ragione se fosse tale, perché comunque architettabile solo da menti zeppe di raccapricciante e feroce follia. Allora un po’ di memoria non guasta: dopo la battaglia di Sciara Sciat, nella quale civili arabi attaccarono alle spalle i bersaglieri, Enrico Corradini scriveva: “La bestia selvaggia che dobbiamo stanare, e mordere a suon di frustate, e non mai fucilare ma impiccare, … la bestia selvaggia si chiama arabo”. Nella fattispecie non si tratta propriamente di beduini ma genericamente di musulmani e la faccenda, nulla essendo cambiato dal 1910, non muta sostanzialmente di un ette. Anima cattiva P.S. la risposta alle ubbie filo.pauperiste di lupetto è implicita

    Report

    Rispondi

  • zuccherodicocco

    21 Giugno 2011 - 13:01

    Questi qui ce li portiamo in casa. Auguro a questi qui un bel funerale col botto!

    Report

    Rispondi

  • vaipino

    21 Giugno 2011 - 11:11

    Vivono per morire , considerano la loro vita e quella degli altri infinitamente meno importante del fine ultimo, rimbecilliti da secoli di indottrinamento non hanno contribuito in minima parte al progresso e al miglioramento del mondo. Che fare se non difenderci da queste belve sanguinarie, difenderci con tutti i mezzi possibili come fu a Lepanto . Nelle loro prediche gli inam riferendosi all'occidente dicono: Li invaderemo con le loro leggi e li domineremo con le nostre. Questa è la triste realtà Con la complicità di: partiti, magistrature, ministri ,associazioni parassitarie-umanitarie, chiesa ci stiamo portando in casa i nostri carnefici. Un cancro che cresce a vista d'occhio alimentato dal pensiero progressista il quale ha pervaso tutti i settori della società occidentale e che è destinato a rovinarci. Non ho ancora capito cosa serve uccidere le nostre millenaria cultura a favore di popoli che dichiaratamente vogliono eliminarci.

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    20 Giugno 2011 - 22:10

    Se questi non sono terroristi cosa sono? Come si fa a trattare pacificamente con gente del genere? Sono criminali sanguinari che vogliono solo il potere. La guerra è propedeutica al loro potere che si regge sulla povertà e sulla produzione e il traffico dell' oppio e dei suoi derivati. Fermate la guerra, date risposte ai milioni di poveri emarginati e sconfiggerete per sempre questo terrorismo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog