Cerca

Gheddafi, Frattini con il Colle: "Manteniamo gli impegni"

Il ministro contro le tentazioni leghiste: "La missione Nato è autorizzata fino a settembre. Aumento di profughi? Non dipende da bombe italiane" / COMMENTO M.G. MAGLIE

Gheddafi, Frattini con il Colle: "Manteniamo gli impegni"
"Sulla Libia abbiamo un quadro che la Nato ha individuato, la missione è autorizzata a proseguire fino a settembre". Il ministro degli Esteri Franco Frattini prova così a placare le polemiche rilanciate dalla Lega sull'abbandono dell'Italia alla missione internazionale contro Gheddafi. Ai microfoni di Sky Tg24, Frattini ha sottolineato come l'Italia non può porsi "fuori dallo scenario delle grandi alleanze internazionali", sottolineando che, sulla Libia, "il presidente Napolitano ha, ancora una volta, fatto il punto molto chiaramente". La Lega ha compreso che è anche suo interesse "in quanto difensore di alcune categorie produttive" perché "quanto accade nel resto del mondo influenza anche la provincia". Infatti , ha argomentato il ministro, "se non siamo credibili quando è il momento di rispettare le missioni internazionali", come facciamo ad esserlo poi "nell'esportare il Made in Italy?".


Problema immigrazione - Seconda questione: l'aumento dell'immigrazione, che secondo il ministro degli Interni Roberto Maroni dipende soprattutto dai bombardamenti sulle città libiche. La partecipazione o meno dell'Italia alla missione Nato in Libia, però, secondo Frattini non cambierebbe la situazione dell'arrivo dei profughi nel nostro Paese. Quanto accade in Libia "pesa sul flusso dei profughi", ma peserebbe in ogni caso perché c'è la missione Nato, ha spiegato il ministro. "Noi siamo la prima destinazione geograficamente possibile, per arrivare altrove vi sono altri due giorni di mare", ha proseguito Frattini, rimarcando che quelli che comunque sarebbero andati via dalla Libia "sarebbero arrivati a Malta o a Lampedusa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TRIDENTINA AVANTI

    22 Giugno 2011 - 15:03

    Suggerisco di fermare, con i pattugliatori della MM, i barconi di clandestini a 15 ml. marine dalla costa libico-tunisina e rispedirli indietro, con un po’ di cartoni di acqua minerale ma SPEDIRLI INDIETRO!!! Se controllate in "Google Earth" ai moli militari della base di Augusta (SR) ci sono, mediamente, ancorate 15 unità, tra corvette e pattugliarori (classi Minerva, Cassiopea Esploratore ecc.) mentre al molo militare di Messina vi sono alla fonda altre 7/8 unità selle succitate classi. Ebbene tutte queste navi potrebbero essere impiegate, in aiuto anche alla CP, per quanto su scritto, ma....bisogna avere le PALLE. Saluti

    Report

    Rispondi

  • TRIDENTINA AVANTI

    22 Giugno 2011 - 15:03

    Ricordo al min. Frattini che invece di fare il gradasso con Gheddafi potrebbe prendere in esame, lui e tutto il Governo, l’ipotesi di andare a liberare i marittimi italiani sequestrati dai pirati somali. I mezzi li abbiamo, gli uomini pure per cui…si desse una mossa.

    Report

    Rispondi

  • racchia

    21 Giugno 2011 - 21:09

    NAPOLITAN GUERRIER HA L' ELMO IN TESTA,/ CON O SENZA PROVINCE, SEI UN BORDELLO! Il seguito è nel commento all'articolo di M.G.MAGLIE.

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    21 Giugno 2011 - 19:07

    ha già rivelato la natura tumorale di Alemanno e Polverini, Frattini è arrivato a risultare un nodulo estraneo di essenza per il momento imprecisata (e Galan un bel molare cariato). L’ineffabile coppia di paladini della sanguisuga ministeriale con relativo indotto riuscirà un ottimo ricostituente per le folkloristiche istanze separatiste dei legaioli ma soprattutto un valido collante per gli elmocornuti disgustati dai giri di valzer della dirigenza – questo con ogni probabilità lo scopo del Senatùr (che, per quanto sconciato, la capa ce l’ha ancora arzilla) ed i terro.capitolini imbizzarriti si sono affrettati a fornirgli muggendo lo strumento che gli urgeva – che si incazzeranno a sufficienza per sopportare senza troppi cedimenti qualche altro contorsionismo. Ottima quindi (e pure urgente) l’idea della Maglie di somministrare con estrema discrezione un lisciabusso al ministro degli Esteri e di prestare ascolto a quello degli Interni. Altra cosa ovviamente la reazione all’ennesima indebita esternazione di S.M. Pannolone III° detto Il Losco che ormai, più che mancare l’orinale, lo sta facendo traboccare. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog