Cerca

Libia, Frattini: "Stop a ostilità per un corridoio umanitario"

Il ministro: "Sono necessari per aiutare la popolazione". Poi "precisa raccomandazione" alla Nato: evitare gli errori contro i civili

Libia, Frattini: "Stop a ostilità per un corridoio umanitario"
Secondo il ministro degli Esteri, Franco Frattini, in Libia è necessaria una "sospensione immediata delle ostilità" per consentire la creazione di corridoi umanitari per aiutare la popolazione". La proposta è stata lanciata nel corso dell'audizione in commissione alla Camera sul consiglio europeo che si aprirà giovedì a Bruxelles.

Colpiti i civili - Il titolare della Farnesina ha poi parlato di "una precisa raccomandazione alla Nato circa la drammatica vicenda degli errori che colpiscono i civili. Rispetto all'azione della Nato - ha proseguito -  è opportuno chiedere una sempre più dettagliata informazione su esiti e risultati e ribadire una chiara e precisa raccomandazione sulla drammatica vicenda degli errori che colpiscono i civili, che non è chiaramente la missione della Nato".

"Cessate il fuoco" - Un altro appello al cessate il fuoco è  arrivato dal segretario generale della Lega Arabam, Amr Moussa, nel corso di un'intervista concessa al quotidiano britannico The Guardian. Secondo Moussa, "quando si vedono uccidere bambini, si hanno dei dubbi". L'intervento militare, ha aggiunto, "non porterà a una risolzione. Ora è il momento di fare il possibile per arrivare a una soluzione politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bisnonna!

    23 Giugno 2011 - 19:07

    Frattini maestro di sci? Mi dica la fonte della sua informazione, Corto.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    23 Giugno 2011 - 10:10

    rimandatelo a fre il maestro di sci...

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    22 Giugno 2011 - 18:06

    François Fillon,primo ministro,avverte che sulla crisi che insanguina la Siria, il Consiglio di Sicurezza dell'Onu non potrà restare ancora in silenzio a lungo. Si direbbe che i francesi siano nuovamente propensi ad una guerra. Pazzoidi.

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    22 Giugno 2011 - 17:05

    Tardive le richieste di Frattini. Napolitano, ormai il nostro ministro degli esteri, ci ha spinto in una trappola mortale, senza uscita. Infatti sono distrutti tutti i contatti con il regime, lo status quo è ormai la peggiore ipotesi per noi. Altrettanto la continuazione di una guerra schifosa e avversata dalla stragrande maggioranza degli italiani. Ma non si può uscire unilateralmente perchè sennò tradiamo la NATO, e ci costerebbe più dei danni già subiti in Libia. Unica strada, stretta, lavorare dentro l'alleanza per un compromesso con Gheddafi che lo induca a lasciare, e chiedere un cessate il fuoco. Ma la catastrofe causata da Napolitano e il PD; col PDL che abbocca subito all'amo, la sconteremo per decenni. Che almeno si sappia e si dica, è il Colle il fautore primo della guerra. Ma ormai in Italia comandano lui e le procure della repubblica.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog