Cerca

Aja: "Ora arrestate Gheddafi" Ma tutti gli altri dittatori?

Mandato di cattura contro il Colonnello e il figlio per crimini contro umanità. Ma tutti gli altri despoti, dai Castro a Kim Jong-li

Aja: "Ora arrestate Gheddafi" Ma tutti gli altri dittatori?
Per Muammar Gheddafi sembra avvicinarsi la fine, anche se il Colonnello ha dimostrato più volte di aver sette vite. Dall’Aja la corte Penale Internazionale ha spiccato un mandato di arresto contro il rais per crimini contro l’umanità, oltre che per il figlio Seif al Islam e il capo dei servizi segreti Abdullah Senussi. La corte ha accettato la richiesta del procuratore Louis Moreno Ocampo che aveva presentato 1.200 pagine di prove contro il clan. La soluzione era stata auspicata anche dal ministro degli Esteri, Franco Frattini.

Le 'dimenticanze' dell'Aja - Gheddafi è il secondo capo di Stato, dopo il sudanese Omar el Bashir, su cui pende una richiesta di arresto internazionale. In teoria il Colonnello e i suoi accoliti dovranno essere arrestati se si recheranno in uno dei 116 Paesi che hanno sottoscritto il Trattato di Roma il 17 luglio 1988 costitutivo della Cpi. Il precedente di Bashir, che gira liberamente per il mondo ed è ancora saldamente al potere, non è certo molto incoraggiante. Così l'Aja, 'indirizzata' dalle bombe della missione Nato e dal dilatarsi dei tempi dell'intervento militare, cerca di stringere il cerchio attorno al Colonnello Muammar Gheddafi e a un Paese che ormai non ha più legmi né economici né diplomatici con l'Occidente, eccezion fatta per il comitato dei ribelli di Bengasi. La corte deputata a giudicare sui crimini internazionali, però, continua a dimenticarsi di tutti gli altri dittatori sparsi per il mondo. Per esempio non ricorda la situazione imposta a Cuba dai fratelli Castro, come dimentica la Corea del Nord e Kim Jong-il, ma anche lo Zimbawe di Robert Mugabe così come tutti gli altri despoti americani. Nel mazzo, soltanto per pescare altri due nomi, ci sono anche Andres Lukashenko e la sua Bielorussia, oppure Mahmud Ahmadinejad e l'Iran.

La Farnesina - "La decisione pronunciata oggi dalla corte dell’Aja conferma le gravi responsabilità di Gheddafi, di suo figlio Saim e del suo genero al Senoussi per gli omicidi e le   persecuzioni commessi dalle forze armate libiche contro gli oppositori al regime a partire dal 15 febbraio, in particolare a Tripoli, Bengasi e Misurata: azioni che ricadono nella categoria dei crimini contro l'umanità. Così la Farnesina ha espresso in un comunicato "la propria soddisfazione per la rapidità e serietà con cui la Corte penale   internazionale ha dato esecuzione al mandato conferitole dal Consiglio  di Sicurezza con la risoluzione 1970 sulla situazione in Libia a partire dal 15 febbraio".

Sarkozy - "Dopo 41 anni di dittatura, forse è arrivato il momento per Gheddafi di smetterla e di lasciare il potere". Così il presidente francese Nicolas Sarkozy in una conferenza stampa da Parigi, durante la quale ha parlato del colonnello libico poco prima dell'annuncio del mandato d'arresto da parte delle Corte penale internazionale. "Gheddafi - ha concluso Sarkozy - sa benissimo cosa deve fare perché la pace ritorni nel Paese: dipende solo da lui".

La battaglia in Libia - Sul fronte di guerra, mentre il conflitto libico entra nel centesimo giorno di operazioni con Muammar Gheddafi indebolito ma ancora al potere, prosegue l’avanzata degli insorti del Cnt di Bengasi verso Tripoli, tanto che nella notte, riferisce la Bbc, si sono registrati scontri tra le milizie degli insorti e le truppe di Muammar Gheddafi a circa 80 chilometri a sud ovest della capitale. Un portavoce dei ribelli dalle montagne di Nafusa, Guma el-Gamaty, ha riferito di pesanti scontri per la conquista della città strategica di Bir al-Ghanam a 30 chilometri a sud di Zawiya, porta d’ingresso per Tripoli. Il ministro della Difesa del Consiglio Nazionale Transitorio di Bengasi, Jalal al-Dgheli, ha spiegato alla Bbc che ci potrebbe essere un’avanzata da est, partendo dal crocevia petrolifero di Brega.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Cesare Infedele

    28 Giugno 2011 - 21:09

    E tutti gli altri dittatori? Chiedetelo alla Francia che vi risponderà che non hanno il petrolio...semplice.

    Report

    Rispondi

  • autores

    28 Giugno 2011 - 17:05

    purtroppo per ogni Dittatore si deve sapere che non e' l'ONU in questo caso il falso e che e' sempre l'ONU a capire come sbrogliare il problema nello Yemen quanto nella Libia perche' l'ONU non e' falsa ma i Dittatori si e si vede.

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    28 Giugno 2011 - 15:03

    Avete dimenticato la dittatura a Myanmar con la criminale repressione delle proteste pacifiche dei monaci buddisti, avete dimenticato la Turchia e la violazione sistematica dei diritti umani delle popolazioni curde, le stragi di boscimani nella Caprivi strip portata avanti dai governi della Namibia per non parlare del feroce annientamento dei cristiani delle Molucche da parte del governo Indonesiano. Gheddafi non era un signore democratico e gentile ma aveva il buon gusto di spartire una parte dei proventi del petrolio col popolo. Sono sicuro che molti in Libia negli anni futuri rimpiangeranno il colonnello. Gli stupri e le repressioni brutali ci sono in tutte le dittature, e Gheddafi non fa eccezione . Condanna giusta ma che buttata in campo durante le trattative ha il solo scopo di mettere Gheddafi con le spalle al muro impedendogli la fuga. Questa misura tardiva è inutile e controproducente per chi cerca di portare la democrazia in quel paese.

    Report

    Rispondi

  • scovafrottole

    28 Giugno 2011 - 10:10

    Meraviglia che una montatura del genere sia stata data in pasto alla gente. O questi sono dei minorati (che non credo), oppure tastano il polso all'opinione pubblica mondiale per vedere fino a che punto possono avventurarsi nella loro cripto-politica vestita di umanitarismo fasullo.Dicono di combattere il terrorismo e lo ripetono ossessivamente ogni giorno ed ogni ora, mentre nei fatti lo aiutano con tutti i mezzi ad espandersi, anche con le guerre usando la Nato,l'ONu, e non ultimo il baraccone CPI (come impresa di pulizia).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog