Cerca

Dsk, Ophelia e la sua verità: "Mi ha aggredito, era pazzo"

Strauss-Kahn, la cameriera del Sofitel al Newsweek: "Per colpa sua mi chiamano prostituta, deve andare in galera"

Dsk, Ophelia e la sua verità: "Mi ha aggredito, era pazzo"
"Era come pazzo". Così Nafissatou Diallo, la cameriera del Sofitel di New York che accusa Dominique Strauss Kahn di aggressione sessuale, parla per la prima volta in pubblico. In una lunga intervista concessa a Newsweek, "Ophelia" dà la sua versione dei fatti: "A causa sua mi chiamano prostituta. Voglio che vada in carcere. Voglio che sappia che vi sono dei posti dove non può usare il suo potere e i suoi soldi". Non sapeva chi fosse, quel facoltoso cliente: "Guardavo Channel 7 e hanno detto che quell'uomo, io non lo sapevo, doveva diventare il prossimo presidente della Francia. E ho pensato, adesso mi uccideranno".

Nessun ricatto - "Noi siamo poveri ma brava gente. Io non penso ai soldi", ha puntualizzato la Diallo, intervistata nell'ufficio del suo legale Thompson Wigdor. E la difesa di Strauss-Kahn non ci sta: "Vuole infiammare l'opinione pubblica". La donna ricostruisce nel dettaglio quanto accaduto sabato 14 maggio quando, dopo aver bussato alla stanza 2806, quella dell'ex direttore del Fondo monetario internazionale, e non aver ricevuto risposta, è entrata. Dal corridoio che si affacciava sulla camera da letto ha visto un uomo nudo con i capelli bianchi. "Mi scusi", ha detto immediatamente e si è avviata verso l'uscita. "Non devi scusarti", ha risposto Strauss-Kahn che - secondo la sua ricostruzione - le si è gettato addosso: "Sei bellissima", le ha detto. "Si fermi, non voglio perdere il mio lavoro", ha replicato la donna. "Non lo guardavo, avevo paura, non mi aspettavo nessuno nella stanza", aggiunge Dominique/Ophelia al Newsweek. "Mi ha spinto sul letto" e ha cercato di avere un rapporto orale. "L'ho spinto, mi sono alzata, volevo spaventarlo e ho detto che c'era il responsabile". Strauss-Kahn avrebbe replicato che non c'era nessuno e nessuno l'avrebbe sentita. Dopo che Strauss-Kahn l'ha costretta a un rapporto orale, è riuscita scappare. "Sono corsa nel corridoio, ero nervosa, spaventata, non volevo perdere il lavoro". Mentre cercava di calmarsi ha visto Strauss-Kahn uscire dalla stanza con il bagaglio. "Non so come si sia vestito così velocemente. Mi ha visto e non ha detto niente". Diallo è poi rientrata nella stanza 2806, quella dove è stata assalita, per recuperare gli strumenti di lavoro. Il responsabile dell'albergo poco dopo l'ha incontrata nella hall e l'ha vista scossa. "Se qualcuno cercasse di violentarti in questo lavoro cosa faresti?", ha chiesto Diallo. In quel momento è scattata la macchina e un'ora dopo aver parlato con il responsabile, è stata chiamata la polizia. La mattina seguente su Channel 7 ha saputo chi era l'uomo che l'ha assalita. Il telefono del suo appartamento ha iniziato a squillare, e Diallo ha svegliato la figlia e le ha preparato un bagaglio per mandarla da un parente. La bambina di 7 anni ha cercato di rassicurare la madre: "La verità verrà fuori. Sono stata così contenta quando l'ha detto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Veraleks

    26 Luglio 2011 - 15:03

    Il Melzi non ha tutti i torti. Obama non ha aperto bocca in favore del Kahn.

    Report

    Rispondi

  • Melzi d'Eril

    25 Luglio 2011 - 14:02

    La tragedia del Sofitel è frutto di un equivoco. DSK, dentendola di madrelingua, ha creduto fosse una igienista dentale. La colpa è del Presidente Obama che non ha voluto telefonare in Questura perchè lo liberassero per evitare complicazioni internazionali. Se invece di quel comunista abbronzato, ci fosse stato il nostro Cavaliere azzurro, la faccenda si sarebbe risolta subito! Vedete quanto siamo fortunati noi.

    Report

    Rispondi

blog