Cerca

Il dramma da film di Naomi: dimentica 17 anni in una notte

Una 34enne inglese perde la memoria: si sveglia pensando di dover andare a scuola. Storia a lieto fine: sbarcherà al cinema

Il dramma da film di Naomi: dimentica 17 anni in una notte
Una storia da film, quella di Naomi Jacobs. E infatti diventerà un film. Incredibile, più di ogni altra pellicola già vista. Da Peggy Sue si è sposata a A proposito di Henry. Perché la 34enne Naomi ha perso la memoria ma senza motivo apparente, né per un collasso né per un coma. Semplicemente, una mattina si è svegliata pensando di averne 17 di anni. Dimenticando di avere un figlio e pensando solo agli esami di maturità imminenti.

Risveglio choc - La vicenda risale al 2008. La Jacobs, single a Manchester, in Inghilterra, è vittima di un rarissimo caso di amnesia: a causa dello stress, probabilmente, una parte del suo cervello si spegne. Stop, buio, reset. Come formattare un computer e farlo ripartire da un punto di ripristino. Quello della donna inglese è il 1991. Quella mattina si sveglia pensando ad un ragazzo della sua scuola, si alza, va allo specchio: "Mi guardai e vidi una donna con le rughe che mi fissava. Poi questo bambino che poteva avere circa dieci anni apparve all'improvviso e cominciò a chiamarmi mamma. Fu in quel momento che cominciai ad urlare. Non avevo la minima idea di chi fosse, non pensavo che fosse molto più giovane di me e di certo non ricordavo di averlo messo al mondo. Cominciai a singhiozzare in modo incontrollato. Dire che ero pietrificata è dire poco, volevo solo la mia mamma. Non potevo neanche pensare di essere andata a dormire in un secolo e di essermi svegliata in un altro".

Lento recupero - Naomi ha perso tutto: 17 anni di vita, la capacità di usare Internet o il telefonino (nel 1991, non li aveva mai incontrati), sa guidare perché ad essere cancellata è stata la parte emotiva del cervello, non quella pratica. Inizia così una via crucis, una lenta e difficilissima riabilitazione. Le danno numeri telefonici di amici e parenti, le mostrano foto delle persone con cui ha vissuto. Soprattutto, Naomi deve imparare a conoscere il presente. "A quindici anni pensavo che a 32 sarei stata una persona importante e avrei conquistato il mondo - ricorda -. Fu scioccante e deludente scoprire che invece ero diventata soltanto una persona con una vita ordinaria, una madre single che abitava con suo figlio in una council house e viveva del sussidio statale". Alla fine, ce l'ha fatta: "All'inizio facevo molta fatica anche solo ad uscire di casa. Ma con l'aiuto di tutta la mia famiglia sono riuscita ad affrontare di nuovo il mondo con le sue sfide".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    30 Luglio 2011 - 18:06

    Almeno Lei si è svegliata in Gran Bretagna dove lo Stato le passa una casa, un sussidio di disoccupazione e non muore di fame assieme al suo bambino...In Italia, vivrebbe su una panchina e mangerebbe un piatto di fagioli alla Caritas,anzi...Lo Stato italiano gli ruberebbe anche i fagioli offerti dalla Caritas !

    Report

    Rispondi

blog