Cerca

Gli Automobil club tedeschi: "Multe italiane? Non pagatele"

Suggerimento pubblicato su Suddeutsche Zeitung: "Spedire le contravvenzioni prese per l'autovelox è un gesto da disperati"

Gli Automobil club tedeschi: "Multe italiane? Non pagatele"
I Comuni italiani che da qualche tempo stanno spedendo le multe per infrazioni del codice della strada agli automobilisti tedeschi indisciplinati possono risparmiarsi la spesa dei francobolli. E’ questo il senso di quanto scrive martedì 9 agosto in prima pagina la Sueddeutsche Zeitung (SZ), il maggiore quotidiano tedesco, per descrivere l’atteggiamento degli Automobil Club tedeschi, che consigliano ai loro aderenti di ignorare le multe ricevute per le infrazioni commesse in vacanza.

"Gesto di disperazione" - Sotto il titolo Incasso alla fiorentina il giornale rivela che diverse autorità municipali italiane hanno incaricato la società fiorentina denominata European Municipality Outsourcing (Emo) di provvedere all’incasso delle multe, inviando la richiesta all’indirizzo postale dei tedeschi che le hanno commesse con le loro auto durante il soggiorno italiano. Il giornale parla di ammende con importi fino a "tre cifre", da pagare entro 20 giorni dal ricevimento della comunicazione, ma aggiunge subito che gli Automobil Club tedeschi "consigliano di ignorare semplicemente queste missive". Il giornale sottolinea che "la posta in arrivo da Firenze è un gesto di disperazione", poiché come conferma il Ministero federale dei Trasporti, chi ha commesso l’infrazione si mostra alquanto "refrattario" nel pagare, anche perché la procedura risulta alquanto "complicata".

"Elementi insufficienti" - Uno degli ostacoli è dovuto al fatto che le foto inviate dall’Italia a dimostrazione dell’infrazione commessa mostrano la parte posteriore dell’auto, elemento insufficiente in Germania per pretendere il pagamento. Un’altra difficoltà ancora maggiore è dovuta al fatto che le autorità straniere che inviano la multa "devono tradurre ogni infrazione commessa in tedesco, altrimenti la richiesta rimane inevasa". La conseguenza è che l’Ufficio federale incaricato dell’incasso per conto delle autorità italiane lo effettua solo se la richiesta è "valida e formalmente corretta".

"State tranquilli" - Volker Lempp, un esperto del tedesco Automobilclub Europa, chiarisce al giornale che "ogni minimo errore di forma impedisce l'esecuzione della richiesta in Germania". La SZ constata dunque che "per i turisti non ci sono conseguenze". Di fronte ad una situazione del genere, Lempp consiglia ai suoi connazionali che ricevono multe dall’Italia di "rimanere tranquilli", raccomandando però di evitare di cadere in un controllo di polizia durante una futura vacanza nel Belpaese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    05 Giugno 2014 - 15:03

    Cari tedeschi,state lontani dai carabinieri...altrimenti fate la fine di Stefano Cucchi ! I carabinieri sono peggio delle SS !

    Report

    Rispondi

  • darkstar

    17 Novembre 2011 - 22:10

    Gli autovelox sono solo un espediente per taglieggiare i cittadini e rastrellare soldi, se possono evitare di pagare tanto meglio per loro. Invece di arrabbiarsi e sbavare tanti insulti contro i tedeschi, colpevoli di non voler ingrassare amministrazioni comunali corrotte ed inette, gli insulti, invece potremmo rivolgerli contro l'industria delle multe, vero racket mafioso di cui i cittadini onesti sono le immancabili vittime.

    Report

    Rispondi

  • Franx68

    09 Agosto 2011 - 23:11

    Sono sempre degli accattoni!!!!

    Report

    Rispondi

  • raucher

    09 Agosto 2011 - 20:08

    che i turisti europei, giunti qua si comportino come selvaggi, che sporcano ovunque e fanno cose che nel loro paese non potrebbero fare mai, peggio delle cavallette. I tedeschi sui loro giornali ci raffigurano con vignette offensive con pizza spaghetti e mafia e poi si offendono se Libero raffigura la sig.ra Merkel coi baffetti. I giovani turisti inglesi sono i più maleducati e violenti. Insegnino l'educazione ai loro figli, cosa che non fanno, invece di dare lezioni agli altri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog