Cerca

Libia, Tripoli accusa Nato Bombe su civili, 85 vittime

Per il governo di Gheddafi, l'Alleanza ha compiuto un "massacro" nei pressi di Zlitan per permettere ai ribelli di prendere la città

Libia, Tripoli accusa Nato Bombe su civili, 85 vittime
Ottantacinque morti: è il conto dei civili rimasti vittime dei raid Nato nei pressi di Zlitan, 150 km a est di Tripoli. Il governo libico passa al contrattacco e ribadisce la denuncia del sangue versato dall'Alleanza Atlantica. Per Tripoli si sarebbe trattato di un vero e proprio "massacro", che coinvolge donne bambini e anziani appartenenti a una ventina di famiglie: per questo, spiega Jana, l'agenzia di stampa ufficiale di Tripoli, il governo ha proclamato tre giorni di lutto.

L'orrore in tv -  Anche la televisione di Stato denuncia il raid Nato su Majar, mostrando i corpi carbonizzati delle vittime. Mussa Ibrahim, ha condotto un gruppo di giornalisti a visitare il paesino devastato, sostenendo che gli aerei alleati avrebbero sganciato dapprima tre bombe e, quando gli abitanti che erano fuggiti sono tornati alle proprie case per recuperare qualcosa, di averli sterminati lanciandone ulteriori tre. Avrebbero perso la vita 33 bambini, di cui almeno tre di età inferiore ai dieci anni, insieme a 32 donne e 20 uomini appartenenti a una ventina di famiglie diverse.  Diffuse anche le immagini di donne e bambini ricoverati in ospedale per le ferite riportate. Un vero e proprio "massacro" perpetrato al  solo scopo di "permettere ai ribelli" di entrare da sud nella vicina Zlitan, città intorno alla quale si combatte furiosamente da giorni.  

La replica dell'Alleanza - Non ci sono prove della morte di civili. E' questa, in pochi termini, la reazione della Nato alle accuse di Tripoli. Il colonnello Roland Lavoie, portavoce delle operazioni Nato in Libia, ha infatti dichiarato che non ha "nessuna prova" di civili rimasti uccisi negli attacchi condotti a Zliten contro obiettivi militari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mamex

    mamex

    12 Agosto 2011 - 05:05

    Berlusconi porgendo il c..o a sarkohitler, ha distrutto l'ottimo lavoro fatto con la Libia e il suo futuro (quello di Berlusconi). Complimenti una nota anche a quell'idi.ta di Frattini, che di slalom diplomatici no nen capisce un c...o.

    Report

    Rispondi

  • Gius11

    09 Agosto 2011 - 18:06

    Si continua a bombardare senza sosta e senza vergogna, con il ridicolo pretesto della "protezione dei civili". E' uno schifo e da italiano mi vergogno e mi dissocio da tutto questo. Ma cosa fa il nostro governo? E' ora di darci un taglio: stop ai bombardamente ed all'uso delle nostre basi e si dia inizio ad un negoziato.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    09 Agosto 2011 - 17:05

    Dai Gheddafi resisti ancora un pò,che a settembre la guerra finirà. Cosi' hanno detto i politici!

    Report

    Rispondi

  • meloni.bruno

    09 Agosto 2011 - 16:04

    Assassini ecco cosa sono! E il piccolo Napoleon Sarkozy ha fatto macchiare di sangue anche le mani di noi Italiani, che comunque il nostro governo è conresponsabile! Queste bombe sono intelligenti come quelle di Roma quartiere S. Lorenzo 1943 fù una carneficina di morti civili, pensate come siamo messi oggi nel 2011 governati da burocrati non all'altezza di intendere di volere.

    Report

    Rispondi

blog