Cerca

Cameron: 'Se serve, l'esercito' L'idea: bloccare social network

Il premier alla Camera dei Comuni: "Paga la linea dura". Poi annuncia aiuti finanziari ai cittadini per fronteggiare danni rivolta

Cameron: 'Se serve, l'esercito' L'idea: bloccare social network
Il primo ministro britannico, David Cameron, è intervenuto giovedì alla Camera dei Comuni per esporre le nuove misure adottate in risposta ai disordini e le violenze che si sono verificati a Londra, Manchester, Birmingham e Liverpool. Dopo aver presieduto una riunione del comitato di emergenza del governo, il leader conservatore ha parlato davanti ai deputati per spiegare come incrementare la sicurezza e come fronteggiare i danni economici causati a negozi, case e aziende, accordando ai cittadini aiuti finanziari. "Se necessario - ha spiegato Cameron - l'esercito potrebbe essere chiamato ad appoggiare la polizia in caso di nuovi forti scontri". Si tratta della seconda sessione di emergenza in meno di un mese, dopo quella sullo scandalo delle intercettazioni. ("I teppisti come piccoli Lenin. Le allucinazioni della stampa di sinistra", leggi il commento di Francesco Borgonovo).

"Bloccare i social network" - Intanto, l'ultimo bilancio degli arresti, mostra come la" linea dura" adottata dal premier stia portando buoni risultati: 888 persone arrestate e 371 incriminate solo nella capitale, blindata da 16mila poliziotti. Altre 300 persone, inoltre, sono state arrestate nel West Midlands e altre 100 a Manchester e Salford. E dopo le devastazioni e i saccheggi, si è appreso che le autorità stanno valutando eventuali interruzioni d'ufficilo dei social network, da BlackBerry Messenger, a Twitter e fino a Facebook, finiti sul banco degli imputati poiché funzionali al coordinamento delle azioni dei teppisti. La notizia è stata fatta trapelare in via riservata da fonti dell'esecutivo, che hanno sottolineato come in particolare il servizio di messaggeria istantanea BlackBerry sia stato uno strumento decisivo per i violenti. "Sappiamo che se ne è fatto uso - hanno confermato le fonti -. La domanda però è: si può fare qualcosa per bloccare certi servizi, in modo tale da risolvere problemi del genere? Ne stiamo discutendo con i servizi segreti e con l'industria di settore. Per il momento - hanno concluso - comunque non abbiamo ancora una proposta".

Violenza inaccettabile - "Il Paese è scioccato dai vandali che hanno distrutto la nostra città, questa è criminalità inacettabile e non c'è nessuna scusa. Case, negozi e uffici - ha continuato il premier - sono stati rasi al suolo e la polizia è stata attaccata mentre cercava di portare l'ordine. Faremo tutto il possibile per ricostruire le nostre città. Un ragazzo di 29 anni è stato ucciso dalla polizia e bisogna rispondere a domande. Una commissione indipendente sta indagando su questo".

"Ottimo lavoro della polizia" -
Il premier ha continuato esprimendo gratitudine nei confronti delle forze di suicurezza britanniche che  "stanno facendo un ottimo lavoro. Stiamo agendo in maniera decisa per porre fine a tutte le violenze. Martedì e mercoledì e stamattina abbiamo riunito il comitato Cobra e parlato di ulteriori misure da mettere in atto. Aumenteremo poliziotti in tutto il Paese e i criminali arrestati sono sempre di più ogni giorno. Da 6mila poliziotti siamo arrivati a 16mila e abbiamo visto un larghissimo aumento di agenti che hanno deciso volontariamente di dispiegarsi nel Paese e di rientrare in servizio per aiutarci a riportare l'ordine".

Continua la linea dura - "La polizia potrà togliere tutte le maschere che le persone usano durante gli scontri e potranno usare qualsiasi mezzo per disperdere la folla. I poliziotti devono avere tutti gli strumenti a loro disposizione per fermare le violenze. È giunto il momento di rispondere e i poliziotti lo faranno fino a quando tutto ritornerà alla normalità. Se necessario, l'esercito potrebbe essere chiamato ad appoggiare la polizia in caso di nuovi forti scontri, come quelli di questi giorni a Londra e in altre città inglesi".

Scontri con la polizia -  Nonostante la capitale non sia messa a ferro e fuoco, la tensione è ancora palpabile. La scorsa notte vi sono stati scontri a Londra fra la polizia e circa 200 giovani dell'estrema destra che, per la seconda notte successiva, si erano schierati in strada dicendo di voler proteggere la comunità locale dalle violenze. Gli scontri sono avvenuti nel quartiere meridionale di Eltham Hill, dove alcuni partecipanti alla 'ronda' hanno lanciato bottiglie contro gli agenti scandendo slogan a favore del gruppo di estrema destra English Defence League.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    12 Agosto 2011 - 10:10

    Ora alcuni quartieri sono abitati al 40% da immigrati che vivono a spese del welfare inglese , quindi la coperta diventa troppo corta , è ovvio. Dopo di che arrivano i tagli inevitabili.

    Report

    Rispondi

  • ALFONSOVITALE

    11 Agosto 2011 - 18:06

    Sono certo che tutti quei teppisti riempiranno le galere inglesi e ci rimarranno per parecchio tempo Se buttassero la chiave sarei arcicontento. Con gli hooligans hanno fatto bingo. Ho assistito in Inghilterra ad incontri di calcio in stadi ultra sicuri e nell'ipotesi ci fosse stato un accenno di rissa intervenivano gli stewards che conducevano i rissosi dal giudice presente allo stadio. Questa è civiltà a differenza di quello che succeda in Italia dove i teppisti non solo vengono subito rilasciati ma fanno loro anche le scuse. Già stamane in una trasmissione Rai "Uno mattina" c'era il solito sociologo da strapazzo che commentando i fatti inglesi giustificava gli eccessi perchè secondo il suo acume tutto dipendeva dallo stato sociale che quei vandali dovevano subire. Lo vada a dire in G.B. Lo piglieranno a calci nel sedere. Bravo a Cameron che almeno in questa situazione ha mostrato gli attributi straf......ne di tutti.

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    11 Agosto 2011 - 18:06

    vedei bobo come ci si comporta, prendi esempio. poi in inghilterra non ci sono i vari gargamella, niky, pisa, i cardinali che non si fanno gli affari loro. bravo cameron.

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    11 Agosto 2011 - 14:02

    Bene, bravi governanti, continuate pure a raccattare tutti i barconi pieni di clandestini, Tanto li dobbiamo mantenere noi questi sfigati. Prima o poi la gente finirà per scocciarsi e allora non vorrei che anche qui cominciasse un po' di maretta.

    Report

    Rispondi

blog