Cerca

Spagna, tutti pazzi per Raton: le vittime del toro salgono a 3

Follia collettiva per l'animale-killer. Tutte le 'ferias' lo vogliono. L'ultimo caduto è un ragazzo di Xativa: aveva 30 anni

Spagna, tutti pazzi per Raton: le vittime del toro salgono a 3
Raton è ormai diventato una leggenda. La Spagna della corrida è letteralmente impazzita per il 'toro assassino' che sta disintegrando come burattini gli sfidanti nella Plaza de Toros di Xativa, vicino a Valencia. La terza vittima è caduta domenica. La 'star' cattiva della ganaderia (allevamento) Gregorio de Jesus, ha colpito più volte l'ingenuo sfidante che era saltato giù dagli spalti per sfidarlo gloriosamente. Raton l'ha sollevato da terra con le sue corna micidiali, come fosse una bambola di pezza. Ora tutti gli organizzatori di ferias lo vogliono, quando c'è lui il prezzo dei biglietti si raddoppia, spiega El Pais, quotidiano nazionale locale. La fame del toro-killer sposta le folle.

L'ultima vittima - Lo sfidante, un giovane di Xativa, 30 anni voleva mostrare tutto il suo coraggio e la sua virilità come consuetudine nelle innumerevoli fiestas delle estati spagnole. Una tradizione che dura da secoli. Ma pare che ad aiutare la 'baldanza' del giovine, ci fosse qualche bicchierino di troppo. Il servizio di sicurezza lo aveva già allontanato. Ma lui si era rituffato nell'arena, proprio per sfidare il terribile Raton.

Una 'vera star' - A 10 anni di età, circa 60 per un uomo, Ratons, mantello nero a chiazze bianche, ora ha ucciso tre volte. La prima, nell'agosto del 2006, a Puerto de Sagunto, il secondo, due anni dopo, a Bonifairò de la Valldigna. In diverse altre ferias taurine ha ferito a cornate chi ha osato sfidarlo. C'è chi si stupisce che sia ancora in circolazione. Il suo proprietario, Gregorio de Jesus, aveva deciso di toglierlo dalle arene e di indirizzarlo verso una più tranquilla carriera di riproduttore. Ma poi: "Cosa fai se ti mettono un assegno in bianco davanti al naso e ti dicono di scriverci la cifra che vuoi?" si giustifica de Jesus. Per un'ora di lavoro, Raton viene pagato 10mila euro, mentre gli altri tori prendono fra mille e duemila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    17 Agosto 2011 - 08:08

    non aveva modi più intelligenti per affermare la sua virilità? Tra l'altro , Hemingway , in Morte nel pomeriggio, spiegava che i tori nell'arena dovevano scendere una sola volta, altrimenti si infurbivano e non consentivano più, ai toreri ,le esibizioni "artistiche" che mandavano in delirio la folla. Questo toro viene riutilizzato invece, più volte , per motivi di denaro , non c'è più nemmeno la scusante dello spettacolo tradizionale , ma solo macelleria . Incivile.

    Report

    Rispondi

  • chiavari

    17 Agosto 2011 - 02:02

    Se un cane, per quanto istigato, azzanna ed uccide una persona lo abbattono, a questo toro invece lo pagano. Stranezze della vita.

    Report

    Rispondi

  • regide

    16 Agosto 2011 - 22:10

    Ogniuno ha quello che si merita....!!! questo in tutti i casi di vita...

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    16 Agosto 2011 - 21:09

    Ho letto "l'ultimo caduto" questo termine solitamente si riserva a un soldato che combatte in una qualsiasi guerra o missione. Secondo me il poveretto sarebbe meglio chiamarlo come "l'ultimo stupido" Mi dispiace per lui .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog