Cerca

Il piano di Sarkò e Angela: commissariare l'Europa

Vertice a Parigi: "Istituire Euro Council, governo economico centrale guidato da Van Rompuy". Altri punti: "Pareggio di bilancio in Costituzione, tassare subito le rendite finanziarie. Eurobond? Ultima spiaggia, non ci troviamo in quella situazione"

Il piano di Sarkò e Angela: commissariare l'Europa
Obbligo del pareggio di bilancio nella Costituzione di tutti i Paesi della zone euro, in pochi mesi la tassa sulle transazioni finanziarie e, soprattutto, un governo economico dell'Europa destinato a riunirsi una volta al mese: queste, in sintesi, le proposta fatte dal presidente francese Nicolas Sarkozy, e dal Cancelliere tedesco Angela Merkel per rafforzare la competitività economica del Vecchio Continente e per tranquillizzare i mercati (anche martedì 16 agosto è stata una giornata negativa per le Borse europee). "Proponiamo un governo economica che si chiamerà Euro Council, si riunirà una volta al mese ed eleggerà un presidente stabile per 2 anni e mezzo - ha spiegato Sarkozy -. Io e la signora Merkel proponiamo che il candidato sia Herman Van Rompuy". La coppia franco-tedesca, proponendo un organo di guida per Eurolandia, cerca de facto di rendere sempre più pesante il ruolo dell'asse sul Vecchio Continente: Angela e Nicolas vogliono di commissariare l'Europa.

"No agli eurobond- Dalla Germania è arrivato inoltre un secco 'no' agli Eurobond, i titoli di debito continentali caldeggiati più volte dal ministro Giulio Tremonti. "Le persone cercano una bacchetta magica per uscire dalla crisi. Gli eurobond sono l'ultima spiaggia - ha tagliato corto la Merkel -. Ma non credo che ci troviamo in questa situazione. Molti credono che gli eurobond siano la panacea universale per uscire dalla crisi, ma io non credo in questa soluzione unica - ha ribadito -. Si potranno immaginare un giorno, ma solo alla fine del processo dell'unione totale dell'Europa. Siamo ancora all'inizio". La posizione della Cancelliera è stata sposata in toto da Sarkozy: "Servirebbero a garantire la tripla A al debito di tutti i Paesi di eurolandia", ma non si può creare un meccanismo per cui "Franci a Germania garantiscano il debito per tutti senza poter averene il controllo: andrebbe a minare la credibilità dei nostri Paesi".

"Bene manovra italiana" - Nella conferenza stampa anche una battuta sulla manovra varata dal governo italano. Secondo la Merkel il pacchetto servirà "per tornare in crescita", ma ora "occorre un impegno durevole di tutti, a partire da Germania e Francia. Serve un meccanismo permanente che riguardi la valuta comune. Proporremo a Van Rompuy - ha aggiunto - un meccanismo tale che ci sia un giudizio sui singoli Stati della zona euro. Serve un impegno permanente nel tempo. Non dobbiamo avere la tendenza a fare subito la cosa più facile". Quindi Sarkozy ha inviato un messaggio ai governi di Madrid e di Roma: "Ai nostri amici spagnoli e italiani consigliamo che il governo di questi due Paesi prendano delle decisioni forti per la ripresa della credibilità".

Euro e fondo salva-Stati - La Merkel ha annunciato che, d'ora in avanti, Parigi e Berlino coordineranno le proprie politiche fiscali. I due Paesi hanno ribadito così "l'assoluta determinazione nella difesa dell'euro. Abbiamo deciso - ha aggiunto Sarkozy - che ogni Stato debba avere una commissione che possa stabilire delle regole su come frenare l'indebitamento". Infine, sul fondo di salvataggio dell'Eurozona, Sarkozy ha sottolineato che "non c'è alcun bisogno attuale di aumentarne l'entità". Si è poi appreso che un nuovo incontro tra il presidente della Repubblica francese e il cancelliere tedesco è già in programma per il prossimo settembre: lo ha annunciato la Merkel al termine dell'incontro con Sarkò.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • travis_bickle

    17 Agosto 2011 - 09:09

    Forse l'italiano conservatore medio sta risvegliandosi dall'ipnosi. Se persino su "Libero" abbondano dichiarazioni di pentiti che finalmente si rendono conto che: -3 anni della crisi peggiore da 100 anni a questa parte, il governone li ha trascorsi a discutere di intercettazioni telefoniche, perchè tanto la crisi è solo psicologica, no è vera ma sta finendo, è stata dura ma ne siamo usciti meglio degli altri -la vera piaga dell'Italia è l'evasione fiscale, il vero limite dell'Italia è la totale mancanza di giustizia sociale: fino a ieri, l'evasore era un eroe popolare della lotta contro lo stato tiranno, come i briganti calabresi a fine ottocento, che il paraculo del banana, da PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, trovava il modo di giustificare Bene, forse davvero l'allucinazione collettiva si è dissolta. E devo averlo capito pure lui, il banana, che è praticamente scomparso. Come i rapinatori, che dopo il colpo spariscono per qualche mese, lasciando che le acque si calmino...

    Report

    Rispondi

  • mansen1

    17 Agosto 2011 - 08:08

    Vogliamo vivere in un europa dove ogni singolo stato può governare il proprio nazione come vuole?Si,ma dimentichiamolo perche si va verso un governo centrale europeo......prima o poi......nessun più spazio per individualismi.....sono stato sempre pro-europa ma ora NO GRAZIE!

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    17 Agosto 2011 - 05:05

    questo Van Rompuy?Un'altro dei grandi soloni che dovrebbe salvare l'europa?Unaltro di quelli che sa tutto lui_e noi no?Mica ha capito che tra non molto salterà l'euro ed ognuno si ritirerà nei propri appartamenti.Questo è il risultato di avere fatto l'europa a tavolino quando ognuno doveva starsene per i fatti propri, Dovevano lasciare tutto come prima.Adesso si puo' concretizzare solo una cosa:FALLIMENTO DELL'EUROPA.Mi sa che questo di duro,come disse un certo personaggio politico italiano,di duro....ha solo il cervello.E avanti con la ghiaia.

    Report

    Rispondi

  • chet57

    17 Agosto 2011 - 01:01

    Libero ha voglia a fare le vignette con Sarkozyche se la ride e la Merkel coi baffetti alle Hitler, ognuno e' libero di di dire la sua e io dico la mia.Qui stiamo parlando dell' Italia,di come siamo messi e di come ci vedono all'estero.Noi Italiani, e' inutile che ci facciamo illusioni:non CONTIAMO UN CAZZO , lo abbiamo dimostrato in tutti qs anni nei quali abbiamo prodotto un effimero boom economico seguito da debiti , disprezzo e malaffare.L'Italia fondamentalmente e' da sempre un paese Criminale, e oggi all'estero ce la fanno "purgare" Se ci fossimo comportati in maniera diversa e migliore,forse oggi conteremmo qualcosa,quindi e' inutile dire Silvio qui,Silvio la',sono tutti contro di noi,e' un complotto e le solite palle ma vorrei vedere!Oggi i nodi vengono al pettine, e al solito tutti quelli che votavano DC-CSX-PSI e riciclati vari del PDL di oggi INSORGONO.Brutti STRONZI , tutti avete voluto qs PARASSITI io ve la farei pagare fino in fondo ,EVASORI in testa cioe' tutti.MERDE

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog