Cerca

Prove di Sharia costituzionale: via il Colonnello, ecco i taliban

Libia ai ribelli. I gruppi integralisti stanno prendendo il sopravvento: la nuova Carta sarà impostata sulla legge coranica

Prove di Sharia costituzionale: via il Colonnello, ecco i taliban
Non è ancora finita e potrebbe finire in modo crudelissimo, inutile piagnucolare sui cecchini cattivi che sparano ai bambini, la scena selvaggia di Tripoli è responsabilità di chi ha gestito la guerra; hanno vinto i berberi di Nafusa, ovvero quelli  sui quali la Nato e l'Europa non avevano puntato spendendo cifre di denaro folli e facendoci aumentare il prezzo della benzina; bene che vada governeranno o si proveranno a farlo i peggiori servi di Gheddafi, complici negli anni del terrorismo attivo, traditori nel momento della disgrazia, pronti a tutto, altro che a rispettare gli impegni commerciali ed economici del tempo che fu; se invece bene non va il Paese sarà in balia di una guerra civile nella quale tutti proprio tutti sono armati fino ai denti, non c'è un leader né un partito né un programma, a parte l'Islam  come religione e la sharia come fonte legislativa. Complimenti.

I politici fanno il loro mestiere, per carità, e tocca loro rassicurare, magari dire bugie o forzare mezze verità, ma tanta contentezza, tanta certezza sul limpido futuro democratico della Libia dopo Gheddafi, come si sente ripetere nelle ultime quarantotto ore dai ministri europei, nell'assenso compiaciuto dell'opposizione solitamente pacifista, è superiore a qualunque sopportazione. Non sarà un caso se invece non si trova un solo commentatore di politica internazionale, un solo esperto serio di Medio Oriente e di Islam, che non usi termini perlomeno prudenti, che non metta sull'avviso da vittorie che si rivelino catastrofiche, che non argomenti sul fatto incontrovertibile che  alla Nato non basta aver salvato la faccia  a colpi di bombe "umanitarie", dopo aver trasformato dalla sera alla mattina un solido alleato, accolto con tutti i suoi capricci nelle capitali mondiali, nel mostro da distruggere in nome dei diritti umani. se poi la Libia verrà lasciata da sola. Semplicemente i politici mentono spudoratamente, e nell'attuale crisi  economica e morale sarebbe il caso di smetterla, i commentatori, diciamo pure noi tanto vituperati giornalisti, dicono le cose come stanno. Stanno male. Da sola significa che se non verrà garantita la sicurezza, il popolo sarà esposto al naturale regolamento dei conti fra le fazioni ribelli. Barack Obama non intende fornire né uomini né soldi, esaurito il quarto d'ora mediatico, la Libia non è un presente sensibile nella testa dell'elettore americano, soprattutto una Casa Bianca debole e indecisa a tutto in Medio oriente ha incoraggiato il caos che ha chiamato primavera araba e ora lo lascia interamente alla gestione europea. Bye bye grande potenza madre, e speriamo che alla fine del 2012 qualcosa cambi. L’Europa dovrebbe prendersele le responsabilità, visto che il neo colonialismo di Sarkò e quello gregario di Cameron ci hanno infilato nell' intervento militare ma ha da tempo rinunciato, almeno da quando i francesi cominciarono qualche mese fa a dire che Gheddafi poteva pure restare. L'Italia, finiti i proclami entusiastici dei nostri ministri deputati, si leccherà le ferite dello splendore passato, quando si commerciava, si costruiva, si fermavano le carrette del mare. La Germania pensa alla guerra dell'euro.

Insomma, non è stato fatto in questi mesi, a meno che io non venga smentita, nessun accordo tra Europa e comitato. Scommettiamo che finirà con una di quelle famigerate missioni delle Nazioni Unite composte da truppe arabe ed africane, e per il resto se la vedrà il mitico comitato di transizione, dio ci salvi, visto che gli odi tribali si scateneranno, sono almeno quaranta gruppi, quelli occidentali non ne vorranno sapere di sottostare al predominio di quelli di Bengasi, che più che altro con le armi sofisticatissime da noi fornite si sparavano nei piedi. In condizioni di guerra civile ti saluto anche gli accordi commerciali.

Una cosa però è certa, mica per caso avete visto distruggere le immagini di Gheddafi al grido di Allah è grande, perché, come da noi denunciato per tempo, hanno assunto un peso militare crescente le brigate degli estremisti islamici composte e addestrate da reduci del Gruppo combattente islamico libico legato ad al Qaeda. Sono quelli che  quel mostro di Gheddafi aveva cacciato e che si sono distinti contro americani e iracheni in Iraq. Curioso vederli entrare a Tripoli grazie alle nostre bombe e a quelle di Obama, no? Ricordiamocelo quando l'11 settembre celebreremo i dieci anni dalla strage delle Torri Gemelle. Il 18 agosto il Consiglio Nazionale di transizione del quale i nostri ministri parlano come di amiconi, come dei convinti democratici, ha approntato, e il Times ha ottenuto, una sorta di dichiarazione preparatoria del percorso verso la nuova Costituzione. Una cosa è chiara a chi la vuol leggere: il futuro di "Stato democratico e indipendente" della Libia sarà garantito con queste premesse e regole guida, "l'Islam è la religione e la sharia la principale sorgente legislativa". E tre, con Egitto e Tunisia, mentre Yemen, Siria, il Grande Fratello Iran, sghignazzano sulle belle avventure umanitarie dell'Occidente.

di Maria Giovanna Maglie

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lupetto99

    23 Agosto 2011 - 22:10

    La Maglie ha capito perfettamente cosa sta succedendo, il medioriente destabbilizzato e la Libia in mano all' islam radicale ci farà diventare il fronte di una guerra fra laicismo ed estremismo religioso. Se il regime crolla in un bagno di sangue, come già sta avvenendo, avremo una nuova guerra civile dove le etnie che compongono la Libia si scanneranno con le armi razziate dai depositi del colonnello. La guerra in Algeria colpi pesantemente la Francia degli anni 90 quella in Libia vedra noi come principale luogo di scontro dopo la Libia. Preparatevi ad un autunno caldo come non ne avete vissuti da almeno 20 anni.

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    23 Agosto 2011 - 20:08

    E' un loro diritto: Vivano come meglio credono. Poi non si lamentino per le differenze con altre culture. soprattutto, non vengano a rompere pretendendo che il loro modo di vivere e pensare sia il migliore od anche semplicemente meglio del nostro. Questo vale in ambedue le direzioni.

    Report

    Rispondi

  • bepper

    23 Agosto 2011 - 18:06

    La benzina è aumentata con il greggio che scendeva e la guerra che saliva. Mi sono perso qualcosa? Nella "moderata" Arabia Saudita. vige la sharia ed è vietato il culto della religione cristiana. Nella dittatoriale Siria, non vige la Sharia ed il culto è libero. Mi sono ancora una volta perso qualcosa? Terrosisti complici e servi di Gheddafi che vanno al potere. Diffidare dalle imitazioni.

    Report

    Rispondi

  • nonnomano

    23 Agosto 2011 - 17:05

    Il mitico Obama dopo essersi dimostrato la peggiore sciagura degli Stati Uniti è riuscito nella impresa di offrire, a nostre spese, il potere nelle nazioni afro-mediterranee agli integralisti islamici! Complimenti: non resta che attendere una omelia di Napolitano e poi prendere la prima carretta del mare che ritorna in Africa...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog