Cerca

Morte Politkovskaya, la svolta: arrestato ex funzionario polizia

L'uomo avrebbe organizzato l'omicidio della giornalista uccisa nel 2006. Resta il mistero sul mandante: "Denaro da persona ignota"

Morte Politkovskaya, la svolta: arrestato ex funzionario polizia
A distanza di cinque anni una svolta nelle indagini sull'omicidio della giornalista russa Anna Politkovskaya, avvenuto nel 2006. E' stato infatti arrestato un ex alto funzionario della polizia: la notizia è stata resa nota da un portavoce della polizia investigativa, che ha spiegato come il colonnello Dimitry Pavlyuchenkov sia sospettato di aver organizzato l'omicidio della giornalista e di aver formato il commando che ha portato a termine l'operazione.

Mistero sul mandante - L'uomo che è stato accusato di aver aperto il fuoco contro la donna, Rustam Makhmudov, era finito in manette lo scorso maggio, quando fu arrestato in Cecenia. La polizia russa, ora, nel funzionario di polizia avrebbe individuato chi ha orchestrato il complotto, anche se resta il mistero sul mandante. Secondo quanto si è appreso, Pavlyuchenkov avrebbe ricevuto del denaro "da una persona la cui identità è ancora ignota", ha spiegato il portavoce delle autorità russe, Vladimir Markin.

L'omicidio nel 2006 - La Politkovskaya è stata fu uccisa a causa delle scomode indagini che stava conducendo sulla guerra in Cecenia. La giornalista aveva scritto diversi reportage per la Novaya Gazeta in cui era molto critica con il Cremlino. Fu trovata uccisa il 7 ottobre del 2006 nell'ascensore del palazzo in cui abitava. Insieme a Makhmudov, accusato di essere il killer, erano stati incriminati anche i suoi fratelli, Dzhabrail and Ibragim, con l'accusa di aver preso parte al commando, nel quale c'era anche l'ex poliziotto Sergei Khadzhikurbanov. I tre furono assolti per mancanza di prove nel 2009, ma la Corte Suprema della Federazione ha ordinato un nuovo processo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog