Cerca

Berlusconi: "Accordo con Cnt Italia fornirà benzina e gas"

Incontro con Jibril: "Scongeleremo 350 milioni, forniremo addestramento a polizia e esercito". Si combatte a Tripoli e Sirte

Berlusconi: "Accordo con Cnt Italia fornirà benzina e gas"
Un comitato di raccordo con la Libia liberata, forniture di gas e benzina, addestramento militare. Silvio Berlusconi illustra le linee principali stabilite nell'incontro avvenuto poco dopo mezzogiorno a Milano con Mahmud Jibril, primo ministro del Consiglio nazionale transitorio libico. Al rappresentante del Cnt, ad un passo dalla vittoria definitiva sulle truppe lealiste di Muammar Gheddafi, il premier italiano ha garantito la nascita di un "comitato di raccordo tra i due governi". Berlusconi ha poi precisato che lunedì prossimo l'Eni firmerà a Bengasi un accordo "per la fornitura di ingenti quantitativi di gas e benzina per le necessità della popolazione". Per la "nuova Libia" in arrivo anche ossigeno economico: il governo italiano scongelerà una prima tranche di 350 milioni di euro di fondi libici bloccati all'inizio del conflitto. Un segnale di 'normalizzazione' che segue alla liberazione dei quattro giornalisti presi in ostaggio mercoledì sera. "Consideriamo questo fatto di buon auspicio per il futuro", ha commentato il Cavaliere. "Vogliamo essere vicini al popolo libico", ha proseguito, e per questo l'Italia ha dato "la disponibilità in futuro per l'addestramento di forze di polizia e di militari del nuovo stato". La disponibilità è anche "per tutto quanto potesse occorrere a partire dalle scuole fino alla sanità", considerando anche la grave situazione della capitale Tripoli, che come riferisce Jibril "è senz'acqua".

Ironico Bocchino - Un mini-vertice, quello tra Berlusconi, Jibril e il ministro degli Esteri Franco Frattini che da un lato ricuce ufficialmente i rapporti tra Roma e Tripoli, "congelati" in questi mesi di guerra, dall'altro non toglie la voglia di ironizzare al falco di Fli Italo Bocchino: "L'incontro rappresenta un cambio di posizione nei rapporti del premier con la Libia - commenta il numero due di Gianfranco Fini -. Ancora non abbiamo dimenticato l'immagine di Silvio Berlusconi che bacia la mano del dittatore Gheddafi, mentre il Presidente della Camera Gianfranco Fini gli chiudeva le porte di Montecitorio". Poi la punzecchiatura finale: "Sarebbe opportuno che oggi Berlusconi, anche per riparare al gravissimo errore fatto con Gheddafi, baciasse la mano di chi si è battuto per la libertà di un intero popolo. Dopo aver baciato una mano grondante di sangue adesso baci la mano che rappresenta quel sangue versato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    26 Agosto 2011 - 10:10

    In Libia i ribelli avanzano,la caduta di Gheddafi è imminente così Italia ,Francia, America e soci si danno battaglia per avere previlegi per le imprese e il petrolio dalla Libia.Questo spiega perchè si combatte Gheddafi mentre per la Siria ci si limita a ridicole sanzioni.Berlusconi ,Brillante con i soldi dei cittadini ,ha già promesso milioni di euro al rappresentante del governo degli insorti.I parlamentari fanno finta di ridursi le agevolazioni mentre il popolino dopo le tasse avrà l'agevolazione di andare in pensione a 80 anni quando la metà sarà morto- Carlo Zani

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    25 Agosto 2011 - 19:07

    ...how long this strong friendship?

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    25 Agosto 2011 - 19:07

    ...non assicurante; nessuna remora recente?

    Report

    Rispondi

  • liberounpardepall

    25 Agosto 2011 - 18:06

    infatti la mia era una battuta, visto che è andato lì a fare accordi commerciali col governo provvisorio non mi meraviglierei se gli avesse raccontato tale balla.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog