Cerca

"Gheddafi stuprava le amazzoni" Spunta un'altra passione: la Albright

Denunce di 5 ex guardie del Colonnello. Dicono di essere state abusate. E spunta l'amore per il segretario di Stato di Clinton

"Gheddafi stuprava le amazzoni" Spunta un'altra passione: la Albright
"Noi ragazze più giovani eravamo usate come giocattoli. Prima andavamo da Muammar Gheddafi, poi lui ci passava agli altri. Si divertivano poi si stancavano e ci buttavano via". Continua un'altra: "Avevano catturato mio fratello. La polizia segreta lo accusava di avere con sè della droga. Lo avrebbero imprigionato per anni se non avessi acconsentito". Acconsentire a cosa? La ragazza spiega di essere stata ricattata dal regime e costretta con la forza a servire tra le le amazzoni. Racconta che una volta entrata tra le milizie del gruppo d'elitè di Gheddafi, sarebbe stata costretta a soggiacere prima ai desideri del Colonnello, quindi dei figli e degli ufficiali più alti.  Sono solo alcune delle testimonianze raccolte da almeno cinque tra le 'amazzoni' di Gheddafi che denunciano di essere state ripetutamente violentate dal dittatore e dal suo entourage.

Denuncia ma cautela - La denuncia è stata riportata sul Sunday Times e arriva dalla psicologa Seham Sergewa, già nota per le ricerche sugli stupri di massa nella ex Jugoslavia degli anni '90. La Sergewa si trova ora a Bengasi e sostiene di esserersi resa progressivamente conto della gravità delle violenze sulle donne. La psicologa infatti afferma di avere le testimonianze di almeno cinque donne, guardie del corpo del dittatore, che descrivono dettagliatamente gli abusi e si dicono pronte a parlare in tribunale. Si pensa che in tutto le donne guerriere fossero circa 400. La cautela però è doverosa poichè in questo momento sono molti coloro che, pur essendo stati tra i più stretti collaboratori del regime, ora cercano di sconfessare il loro recente passato. Tutti con storie più o meno dettagliate e fantasiose raccontano di come in realtà siano sempre stati anti-regime.

L'amore per Albright - Intanto continuano a diffondersi nomi delle ipotetiche muse del raìs. Dopo Condoleeza Rice di cui è stato trovato un album fotografico nel bunker del Colonnello con tanto di dedica omaggio, "mia cara donna nera africana", ora è il turno di Madeleine Albright. La storia risale a metà anni '90 quando il Raìs confidò all'inviata del Times, Marie Colvin, di avere una 'cotta' per Madeleine Albright. Al termine di un'intervista un decennio dopo i bombardamenti americani su Tripoli e Bengasi, Gheddafi disse alla Colvin che 'amava' Madeleine, al tempo segretario di Stato di Bill Clinton. Ne guardava ogni apparizione in tv e a volte si lamentava se le inquadrature non erano a tutto campo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franx68

    12 Novembre 2012 - 17:05

    ...Le fantasie di una malata sessuale come Seham Seroewa...è questa persona affermerebbe di essersi occupata "degli stupri nel Ex jugoslavia???" Pure e per conto di chi??? ma andasse a cacare!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    30 Agosto 2011 - 02:02

    Tutte queste storielle da appioppare al perdente di turno sono solo che ridicole. Non potranno mai giustficare quello che hanno fatto, facendo passare Gheddafi per tutte le turpidudini possibili e immaginabili che gli possono accollare. Questa storiella la si raccontava anche per Saddam. Cercate almeno di essere originali nelle bufale!

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    29 Agosto 2011 - 23:11

    ...e guai ai vinti! Quando la preda è ferita,viene fuori e solo allora,il...male assoluto! Cortigiani di razza dannata,a qual prezzo vendeste...

    Report

    Rispondi

  • raucher

    29 Agosto 2011 - 19:07

    dalla D'Addario.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog