Cerca

Iraq, Tareq Aziz assolto

per le stragi del 1999

Iraq, Tareq Aziz assolto
"Non colpevole". Per questo motivo il tribunale speciale iracheno (Tsi) ha assolto e liberato l'ex vice primo ministro di Saddam Hussein Tareq Aziz, accusato insieme ad altri sette gerarchi del deposto regime, di aver favorito l'esecuzione di 42 commercianti e uomini d'affari nel 1999 a Baghdad. Oltre a lui sono stati assolti anche Saif al-Din Mahmoud, Akla Abd Sakr e Ibrahim Sahib Karam, nel processo conosciuto come 'Fatti della preghiera del venerdì'. I fatti risalgono al 1999. Solo nel 2003, dopo la caduta del regime di Saddam Hussein, sono stati ritrovati i cadaveri delle persone uccise in quell'occasione dalla polizia dell'ex dittatore. È stato invece condannato a morte nello stesso processo Ali il Chimico, cugino di Saddam Hussein ed ex capo del comando del nord del partito Baath. Insieme a lui sono stati condannati a morte Mahmoud Faizi Muhammad e Aziz Salih Hasan, anche loro figure di spicco del deposto regime. Carcere a vita, invece, per l'ex vicepresidente dell'ufficio militare del Baath, Ali Latif Nasif Jasim, e per l'ex responsabile dell'ufficio del Baath nella regione di Tàmim, Muhammad Zaman Abd al-Razzaq.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog