Cerca

La Libia si scorda il passato

Gheddafi "perdona" l'Italia

La Libia si scorda il passato
Scordiamoci il passato, «e accettiamo le scuse dell'Italia». Gheddafi ha detto sì: è pace fatta con Berlusconi e con tutti noi. L'occupazione colonialista ce la buttiamo alle spalle, quel che è stato è stato. I nostri esuli cacciati dopo gli anni settanta possono pure tornare lì, se vogliono. Il leader ha chiesto infatti «a tutti i libici di vincere i propri risentimenti e tendere la mano ai loro amici italiani in un rapporto paritario di rispetto reciproco». Sono state queste le parole pronunciate a Sirte davanti al Congresso generale in occasione del via libera definitivo da parte del Parlamento libico al «Trattato di amicizia e cooperazione» fra Roma e Tripoli, dello scorso 30 agosto.
Silvio Berlusconi ha rinnovato le scuse dell'Italia per l'occupazione colonialista del passato. Il colonnello ha affermato di aver apprezzato molto l'intervento di Berlusconi, soprattutto laddove il presidente del Consiglio ha espresso la sua forte condanna del fallito progetto colonialista. «Giriamo questa pagina nera - ha concluso Gheddafi - e cominciamo una nuova era».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • william66

    03 Marzo 2009 - 15:03

    Il famoso Generale dell'Esercito tedesco Rommel, (cospiratore che voleva l'eleminazione fisica di Hitler) disse che non bisognava per forza fare guerre per diventare una grande nazione, ma qualcuno di voi mi risponde a questa domanda? perchè siamo andati in Libia, in Somalia e in Eritrea? che esigenze c'erano? e i soldati ITALIANI che morirono in quelle guerre erano per forza necessari?

    Report

    Rispondi

  • peppespe

    03 Marzo 2009 - 15:03

    Mi chiedo se Francia e Gran Bretagna abbiano pagato tutti questi soli per le loro malefatte!

    Report

    Rispondi

  • 2009SP

    03 Marzo 2009 - 13:01

    Anche questo rispecchia la situazione dell'Italia di oggi. A causa della nostra debolezza, non ultima quella dell'approvvigionamento energetico: SEMPRE IN GIRO CON IL CAPPELLO IN MANO.

    Report

    Rispondi

  • Fascista

    03 Marzo 2009 - 12:12

    Ma per favore, se non era per gli italiani la Libia ancora non aveva strade, scuole, ospedali, pozzi d'acqua ecc...dobbiamo chiedere scusa per aver abolito la schiavitù e modernizzato il Paese? Piuttosto gli inglesi, dovrebbero chiedere scusa a tutto il sistema solare, ma non mi sembra che ciò avvenga..caso strano quando c'è di mezzo l'Italia tutti si fanno venire il sangue amaro..un esempio lampante sono le sanzioni che la Società delle Nazioni impose all'Italia..la storia si ripete..Vergogna! Viva l'Italia, viva l'Impero!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog