Cerca

Il Cairo, è strage di cristiani L'Egitto brucia: 36 morti

I musulmani attaccano un corteo di copti con bastoni e pietre, L'esercito interviene. Il premier: "Non cedete alla sedizione"

Il Cairo, è strage di cristiani L'Egitto brucia: 36 morti
Il Cairo brucia ancora. Dopo la primavera araba e la caduta di Mubarak, riesplodono le tensioni religiose tra copti e musulmani: scontri violentissimi con le forze armate che hanno causato 36 morti e 200 feriti. La guerriglia urbana è ancora in corso, tanto che le autorità egiziane hanno decretato il coprifuoco fino alle 7 di martedì mattina. Alle 14 i funerali delle vittime nella cattedrale di Hamra.

Guerriglia - L'epicentro delle violenze è la sede della tv di Stato, ma anche il quartiere vicino di Shubra è interessato alla rivolta. Tutto nasce dalla manifestazione di protesta indetta dai cristiano copti in piazza Abdel Moein Ryad, all'ingresso di piazza Tahrir, contro la distruzione di una chiesa ad Assuan. Circa tremila persone si sono riunite per scandire slogan sull'unità tra i fedeli copti e musulmani. Il motto era "Una sola mano", richiamando la rivoluzione del 25 gennaio scorso. Il sogno però si scontra con la realtà, perché negli stessi minuti fedeli delle due religioni si scontrano a colpi di bastone e pietre. Secondo testimoni, i copti in corteo sarebbero stati attaccati forse anche con armi da fuoco da teppisti e uomini che vengono indicati come baltagey, cioè teppaglia al soldo dei controrivoluzionari.

Rischio sedizione - La reazione dei copti è stata immediata, ma a quel punto i poliziotti militari li avrebbero circondati sparando colpi in aria e lacrimogeni per disperderli. Il primo ministro egiziano Essan Sharaf ha ammonito oggi cristiani e musulmani del suo paese a non cedere "agli appelli alla sedizione". "Mi rivolgo a tutti i figli della patria - ha detto Sharaf -. Quello è un fuoco che brucia tutto e non fa differenze tra noi".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • numidia

    14 Ottobre 2011 - 15:03

    qualcuno mi vuole spiegare perchè i nostri cosidetti intellettuali sono così condiscendenti e convinti che i mussulmani veri sono dei pacifisti? Quel poco di storia che conosco mi ha convinto del contrario: a partire dal fondatore di questa pseudo-religione che ha partecipato all'uccisione di un bel pò di gente. Da un simile seme può crescere una pianta sana?

    Report

    Rispondi

  • mazzino poggi

    11 Ottobre 2011 - 20:08

    mi sono sorbito , così per masochismo, il punto alle otto del Mineo (Rainews), che è così fazioso da rimanere simpatico...incredibilmente il democratico giornalista si è mostrato preoccupato non della morte di c.a. una trentina di persone ma del fatto che l'accaduto metterebbe a rischio gli effetti e il procedere della PRIMAVERA ARABA!!! Forse perché gli uccisi sono in grande maggioranza cristiani? Altra curiosità : ma perché il Cav. dato che spadroneggia su tutti i media italiani non l'ha ancora cacciato....non sarà mica perché oltre tutti i suoi vizi inenarrabili è pure masochista ? Signori Magistrati : meglio indagare. W la rai ( e SKY)

    Report

    Rispondi

  • Pluto-X

    11 Ottobre 2011 - 17:05

    Magari qualche egiziano ci credeva davvero nella "primavera araba", peccato che ciò che hanno ottenuto assomigli più al nazismo che alla democrazia.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    10 Ottobre 2011 - 22:10

    ...risultato...primavera arrrabaaaa?!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog