Cerca

Ancora sangue a Belfast

L'Ira uccide un poliziotto

Ancora sangue a Belfast
 Un agente della polizia è rimasto ucciso ieri sera in un’imboscata a Craigavon, nell'Irlanda del Nord, città abitata da cattolici e protestanti nella contea di Armagh, due giorni dopo l’attacco rivendicato dalla "Real Ira" (vera Ira) contro una base militare in cui due soldati britannici di 23 e 21 anni erano stati assassinati due giorni fa. L'ultimo attentato ha avuto luogo nei dintorni di una scuola nella parte cattolica della cittadina: una pattuglia della polizia, attirata da movimenti sospetti, è caduta in un agguato. L'agente è stato freddato con un colpo alla testa mentre stava perlustrando in auto con un collega la zona di Lismore Manor, un'area repubblicana di Craigavon, dopo aver ricevuto una chiamata. Gli irriducibili cattolici della Real Ira (un centinaio di elementi) abbandonarono l’Esercito Repubblicano Irlandese rifiutando il dialogo con i protestanti, culminato nell’accordo di pace del 1998. Dolores Kelly, esponente di un partito cattolico moderato, ha condannato l’ultimo episodio di violenza lanciando un allarme: Siamo sul ciglio di un abisso. Non possiamo permettere che un piccolo gruppo di gente che non ha niente da dire o da offrire possa distruggere quello che abbiamo creato negli ultimi dieci anni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog