Cerca

L'effetto della crisi in Grecia: aumentano drogati e suicidi

Tra le raffinerie in sciopero e le code ai distributori, Atene si scopre sempre più debole. Gli imprenditori si ammazzano

L'effetto della crisi in Grecia: aumentano drogati e suicidi
Uno studio della nota rivista medica Lancet rivela come la crisi greca stia iniziando a influire sempre di più sulla salute dei cittadini. “Una tragedia greca”, sono le parole usate nell’articolo. Innanzitutto, perché comunque c’è sempre più gente che ha difficoltà a tirare avanti. I dati forniti dallo stesso Parlamento di Atene mostrano come i suicidi siano aumentati del 25% tra 2009 e 2010, e poi di un ulteriore 40% tra 2010 e 2011. «Non cercate altre ragioni,  mi ci ha portato la crisi» ha lasciato scritto un piccolo imprenditore, dopo essersi impiccato a un ponte. E va tenuto conto del fatto che la Chiesa Ortodossa  continua ancora con la massima chiusura nei confronti di chi si toglie la vita, negando i funerali religiosi anche in caso di comprovato collasso mentale del suicida. Dunque molte famiglie mascherano i suicidi da incidenti, cancellandoli dalle statistiche. Poi, c’è la disperazione che sta spingendo sempre più gente a cercare evasioni nel modo peggiore. Sono infatti aumentati del 52% i sieropositivi: almeno la metà attraverso infezioni intravenose.

Ed è aumentato del 20% il consumo di eroina. La conclusione è che sempre più gente senza prospettive si droga, e per pagarsi lo sballo è disposta a ogni tipo di comportamenti a rischio. In primo luogo la prostituzione, senza dimenticare i furti e le altre illegalità. Curiosamente, si sono però ridotti gli incidenti stradali. Più che per una minor circolazione di veicoli per il prezzo del carburante. Gli autori dello studio, i sociologi dell’Università di Cambridge Alexander Kentikelenis e David Stuckler e il ricercatore della London School of Hygiene and Tropical Medicine Martin McKee, ricordano poi che, a parte suicidio, aids e droga, c’è semplicemente la riduzione delle cure mediche.

Tra il 2007 e il 2009 c’è stato infatti un 15% di viste in meno: anche se la proporzione è minore rispetto al 40% di tagli della spesa pubblica per la Sanità che il governo ha fatto per cercare di risanare il bilancio. Una conseguenza di questa situazione è stata che i volontari greci di Médecins du Monde hanno dovuto aprire ai propri concittadini i centri che finora avevano offerto visite gratuite essenzialmente agli immigrati dal Terzo Mondo. Il dentista  Nikitis Kanakis, capo di Médecins du Monde, ha detto che di 30.000 pazienti assistiti nel 2011 i cittadini greci erano arrivati al 35%, rispetto al 10% del 2010. Ma la frequenza agli ospedali pubblici, malgrado con meno personale e meno mezzi, è lo stesso aumentata: +24% nei 2010; +8% nei primi sei mesi del 2011.

Il fatto è che infatti da una parte la preoccupazione aumenta i malesseri anche fisici. Dall’altra mentre i ceti più bassi passano direttamente dall’assistenza pubblica al volontariato, i ceti medi passano all’assistenza pubblica da quella privata, in cui la frequenza è calata del 25-30%. Il “razionamento”, come lo definiscono gli economisti, avviene attraverso le file, sempre più interminabili. In questo momento, mentre il governo taglia le spese e aumenta le tasse. Il Pil è calato del 7% rispetto a un anno fa, e la disoccupazione è aumentata del 16%. E come se non bastasse, c’è anche lo sciopero delle raffinerie di petrolio a creare disagio in Grecia, mettendo in ginocchio il trasporto privato, con file interminabili ai benzinai per fare rifornimento.

di Maurizio Stefanini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spyrko

    14 Ottobre 2011 - 11:11

    Generalmente paralando sono d' accordo con tutto quello che c'e' scritto sulla Grecia, per quanto riguarda l'aumento delle persone disperate. Vorrei, pero' fare una piccola correzione...o meglio un piccolo intervento...credetemi poco ci interessa cosa pensa la chiesa adesso, dal momento in cui, come al solito, non sta accanto al popolo ma, contrariamente, continua a fare discorsi inutili e in piu' solo loro (i preti e chiesa) non hanno pagato, non pagano e non pagherano mai tasse, vivendo ANCHE LORO (come i nostri politici traditori) sulle spalle dei fedeli (popolo). In molti casi, soprattutto nella provincia, i pretti accetano di fare i funerali delle persone che hanno comesso suicidio e forse ad Atene non lo fanno perche' non li pagano abbastanza le famiglie...chi sa?!! Con questo commento non sto accusando solo la chiesa ortodossa, ma la chiesa cristiana (sia catolica che ortodossa), che da secoli diventa sempre piu' ricca sulle spalle dei poveri fedeli!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    14 Ottobre 2011 - 08:08

    Quando in un governo hai fanciulle che di buono hanno solo le cosce, quando hai la Lega partito intellettuale, i Scilipoti, i Responsabili che vogliono soldi contro voto, quando hai 64 tra indagati e condannati, cosa ti aspetti?

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    12 Ottobre 2011 - 22:10

    Gli idioti non hanno capito che se ci dovesse essere una crisi di Governo, il Pese sarebbe vicinissimo al fallimento e il destino greco non ce lo toglierebbe nessuno. Fuga dei capitali, fuga degli imprenditori, riconversione alla Lira che varrebbe zero. Disoccupazione alle stelle, nessunissima crescita, fame nera. Non ci sono alternative a Berlusconi a meno di volersi suicidare. Con le sinistre, come sta succedendo in Spagna e Grecia il disastro sarebbe assicurato.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    12 Ottobre 2011 - 13:01

    Via Berluska; altrimenti sarò peggio in Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog