Cerca

Gilad Shalit è stato liberato Soldato è già in Israele

Sequestrato nel 2006, il caporale è stato accolto in patria da Netanyahu e dai suoi familiari. "Hamas mi ha trattato bene", le prime parole

Gilad Shalit è stato liberato Soldato è già in Israele
Il caporale israeliano Gilad Shalit è stato trasferito da Gaza e preso in custodia dall'Egitto, tramite il valico di Rafah, alle 8 di questa mattina. Lo ha dichiarato la televisione al-Quds, vicina ad Hamas. Il militare rapito dal movimento islamico palestinese il 25 giugno 2006, ha poi fatto rientro in Israele, dove lo hanno accolto il premier Benjamin Netanyahu e i suoi genitori, Noam e Aviva, che fin dalle prime ore del giorno lo hanno atteso presso la base area di Tel Nof, nel sud del Paese. L'operazione è stata resa possibile grazie a un patto tra i governi di Israele e Palestina, che prevede la liberazione di circa mille palestinesi, tra cui alcune persone accusate di terrorismo.


"Trattato bene da Hamas" -
"Hamas mi ha trattato bene. Sono stato informato del mio rilascio una settimana fa", queste le prime parole pronunciate da Shalit, appena liberato. "Ho saputo che sarei stato liberato solo una settimana fa", ha detto, e proprio in quel momento "ho sentito che finalmente era arrivata la mia libertà e per la prima volta in cinque anni ci ho creduto davvero". Negli anni trascorsi in prigionia, ha aggiunto, "mi è mancata la mia famiglia, mi è mancato parlare e vedere la gente". Sulla contropartita della liberazione di quasi 500 arabi, che ha suscitato parecchie polemiche, Shalit si è detto felice, "ma a condizione che essi tornino alle loro famiglie e abbandonino la lotta armata". Poi un pensiero al conflitto ancora in corso: "Spero che questo accordo possa favorire il processo di pace tra israeliani e palestinesi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jerico

    18 Ottobre 2011 - 12:12

    Anche se lo scambio è spropositato, l'unica consolazione che Israele e gli israeliani possono trarre da questa vicenda è , che un ebreo ''vale'' più di mille palestinesi,questa è una grande sconfitta mediatica per Hamas,che inconsciamente riconosce la superiorità degli ebrei.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    18 Ottobre 2011 - 10:10

    Ora mi chiedo possibile che le famigliari vittime, considerato zero ma solo sfruttate ad uso Politico? Io sono sicuro che se le cose fossero capovolte di sicuro i Palestinesi avrebbero inviati all’Israele 477 detenuti, tra cui 27 con collare esplosivo visto che non sono Politici"eletti"come li considera Baffino Alias D’Alema er Molotoviano e non terroristi poiché trovo ingiusto contro tutto le Leggi, sequestrare un soldato anche per un solo giorno.

    Report

    Rispondi

blog