Cerca

Per scioperare contro la fame i Greci restano senza cibo

A causa del fermo dei traghetti, le isole greche da otto giorni non ricevono derrate alimentari. E la protesta diventa masochistica

Per scioperare contro la fame i Greci restano senza cibo
Per scioperare contro la povertà, i greci rischiano di morire di fame. Il blocco generale del Paese ellenico, che ha bloccato i traghetti, rischia infatti di lasciare senza approvigionamento le isole del mar Egeo, da otto giorni non più raggiunte da derrate alimentari, carburante e medicinali. Un confino amaro per gli isolani che, penalizzati già dalla situazione economica drammatica, ora si vedono privati dei beni di prima necessità. Da qui le accuse di masochismo contro gli scioperanti.

Nuovi scioperi della fame - Intanto i sindacati greci hanno deciso di rilanciare la protesta. Questa settimana è prevista una nuova ondata di scioperi contro il nuovo piano di austerità varato dalle autorità elleniche, che colpirà pensioni, salari e condannerà al licenziamento oltre 30.000 licenziamenti pubblici. Ma lo sciopero contro la fame rischia di diventare, per i greci, un doloroso sciopero della fame.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    24 Ottobre 2011 - 19:07

    ...dalla famiglia primordiale.Se vi è un dissesto economico familiare,solo un pazzo,od un masochista aggraverebbe ancor di più la sua situazione.Nel caso della Grecia,è più che legittimo fare le dimostrazioni di dissenso,ci mancherebbe altro! Anzi,si deve provare dispiacere per la popolazione che si trova a terra con tutto,ma se questo popolo con le sue azioni (scioperi,danni sulle cose,etc.),contribuisce ancor di più a peggiorare la propria situazione,non è più scusabile,in quanto è troppo tardi ormai e rischia di facilitare un colpo di stato,(non ne sono nuovi),il chè sarebbe ancor peggio;non rimarrebbe loro che gli stessi sacrifici e in più...zitti tutti!

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    24 Ottobre 2011 - 13:01

    solo 30mila statali parassiti, ne occorrono di piu' (licenziati). devono stringere la cinghia, ricostruire una sana economia , loro hanno insegnato a tutto il mondo occidentale le meraviglie della democrazia, riusciranno a ripartire piu' forti di prima. Coraggio!

    Report

    Rispondi

blog