Cerca

Sarkozy è il buffone dell'Eliseo: dieci motivi per ridere di lui

Tutte le gaffes del Presidente francese: si fa dettare la linea da Carlà, litiga con i fotografi e si mette la pedana sotto i piedi per alzarsi

Sarkozy è il buffone dell'Eliseo: dieci motivi per ridere di lui
All’estero ride degli altri. Ma in Francia è lui a far ridere. Per le  innumerevoli gaffe da quando, nel 2007, occupa l’Eliseo. In quattro anni e mezzo di presidenza, Nicolas Sarkozy non si è fatto mancare niente. Le raccomandazioni al figlio Jean, l’intera famiglia (suocera compresa) portata in aereo in visita di Stato, la conferenza stampa presenziata dopo aver alzato il gomito, gli insulti a fotografi e giornalisti e la riunione di condominio frequentata per difendere gli affari della solita suocera. Un campionario di errori e figuracce che giorno dopo giorno sta annullando le chance di Sarkozy, inviso agli elettori anche per il suo rapporto con l’editore-industriale Serge Dassault, di restare all’Eliseo. Mentre il presidente ride di Silvio Berlusconi e dell’Italia, i sondaggi per lui sono impietosi: votassero per le Presidenziali oggi, i francesi sceglierebbero con il 62% lo sfidante socialista, François Hollande, lasciando il presidente uscente al 38%. Ecco i dieci motivi per ridere di Sarkò.


1. Il figlio raccomandato. Nel 2009 Jean Sarkozy, avuto nel 1987 dalla prima moglie, ha ottenuto il diploma di “figlio di papà” dal comitato “Sauvons les riches”, salviamo i ricchi. Nessuno è più figlio di papà di lui: dal 16 marzo 2008 per l’Ump - il partito del padre - è consigliere generale per il cantone di Neuilly-sur-Seine-Sud. L’anno dopo è diventato consigliere d’amministrazione dell’Epad, l’ente pubblico che gestisce il quartiere d’affari della Defense. Non contento, Sarkozy padre lo voleva alla presidenza del Cda. Solo la sollevazione popolare ha costretto il presidente al dietrofront.

2. La corte dei Bruni all’Eliseo. Non c’è solo la moglie Carla a rappresentare la Francia. Come rivelato dal settimanale satirico Le Canard enchaîné, anche Marisa Borini in Bruni Tedeschi, suocera del presidente, è di casa all’Eliseo. Talmente di casa che Sarkozy, in una visita di Stato in Romania, se l’è portata appresso insieme a Maurizio Remmert, l’amore di gioventù di Marisa che ha dichiarato di essere il vero padre di Carlà. È stata la stessa suocera a confidare di ispirare il presidente: «Ho preso l’abitudine di mandargli un sms con il mio punto di vista».

3. L’assemblea di condominio. Nicolas ci tiene tanto, alla suocera. Al punto che, quando si è trattato di difendere la costruzione di una fogna voluta da lei per la villa di famiglia di Cap Negrè, in costa Azzurra, il presidente si è precipitato alla riunione di condominio. Secondo i media francesi, per amore dei Bruni Tedeschi Sarkò si è anche improvvisato mediatore immobiliare: è stato lui, infatti, a mettere in contatto la famiglia della moglie con un emiro arabo per la vendita di una villa in Piemonte.

4. Quella conferenza imbarazzante. Anno 2007. In Germania c’è il G8. Sarkozy è atteso in conferenza stampa, ma è in ritardo. E quando si presenta, lascia di sasso i giornalisti: è sudato, ha il respiro affannoso e la voce gli trema. In più,  trattiene il riso a stento. «A quanto dice, non aveva bevuto che acqua», commenta in studio il giornalista che lancia il servizio. Non ci crede nessuno.

5. La pedana sotto i piedi. La moglie Carla è stata costretta a indossare le ballerine invece dei tacchi a spillo. Il presidente non ne vuole sapere di apparire basso. Così ai vertici internazionali Sarkozy esige una pedana da mettere sotto i piedi. È andata così perfino in Normandia, alle celebrazioni per lo sbarco alleato insieme al collega Barack Obama, e all’assemblea generale dell’Onu.

6. Le gaffe con Angela Merkel. Oggi mostra di andare d’amore e d’accordo con la cancelliera tedesca. Ma lei pare che non lo stimi granché. Colpa, anche, di un paio di gaffe. La prima nel 2008, quando Sarkò intasca la penna stilografica del premier romeno. In conferenza stampa, Merkel gliene porge un’altra: «Lei le colleziona, vero?». Lo stesso anno, Sarkozy si rivolge al marito della cancelliera chiamandolo «monsieur Merkel». Peccato che lui si chiami Sauer e lei glielo faccia notare accusandolo di dichiarazioni «mancanti di precisione».

7. L’accusa ai giornalisti. Due anni fa, al vertice Nato di Lisbona, Sarkozy è furioso per le insinuazioni di un giornalista su un presunto traffico militare con il Pakistan. «Oh basta! Siamo in un mondo di pazzi! E voi allora? Non ho niente contro di voi, ma mi sembra che siate un pedofilo. Chi me l’ha detto? Le fonti, i servizi, e poi ne sono convinto. Amici pedofili, a domani».

8. La rissa con i fotografi. Sarkozy è in barca sul lago Winnipesauke, nel New Hampshire. Due fotografi americani dall’Associated press si avvicinano troppo. Quando sono di fianco al natante presidenziale, Sarkò, in costume da bagno, va all’arrembaggio: salta a bordo dell’imbarcazione e, urlando, sommerge i due di rimostranze.

9. Come un bullo di periferia.
In visita nella regione del nord-ovest mentre infuria la protesta dei portuali, Sarkò è fatto oggetto di contestazioni. Così mentre cammina si ferma e alza gli occhi verso chi lo attacca. «Che hai detto? Sei tu che hai detto questo? Scendi un po’ a dirmelo in faccia, scendi!».

10. L’aut aut all’editore. A marzo il Journal du Dimanche pubblica la notizia del presunto tradimento reciproco di Nicolas e Carla. Il presidente non ci sta e telefona ad Arnaud Lagardère, editore nonché industriale dipendente dalle commesse pubbliche, per esigere una punizione esemplare. E così é: due giornalisti finiscono licenziati.

di Tommaso Montesano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bombarda

    26 Ottobre 2011 - 22:10

    veramente un piccolo uomo, d'altra parte anche noi non abbiamo grandi persone che ci governano!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • alfi1983

    26 Ottobre 2011 - 15:03

    Non ho controllato, ma sarebbe interessante 'lanciare' le 10 situazioni riportate nell'articolo, su facebook, twitter e altri motori di ricerca, perche' tutto il mondo riconosca il 'buffone' dell'Eliseo. chissa' che non venga assunto in qualche circo equestre come ronzino naturalmente, sempre che ce lo vogliano

    Report

    Rispondi

  • gilucas

    25 Ottobre 2011 - 23:11

    quest'uomo è una vera disgrazia per l'Europa.

    Report

    Rispondi

  • rosvittorio

    25 Ottobre 2011 - 20:08

    Non conoscono nemmeno la loro storia.hanno avuto un peso nel mondo fino alla battaglia di Waterloo e poi le hanno sempre prese di santa ragione da tutto il mondo.20 giorni sono bastati alla Germania per invadere la Francia e loro,per tutta risposta hanno fatto il governo Petain: traditore del proprio popolo.Si sono sempre salvati grazie ad altri e si considerano una grande potenza. Credono che la Germania sia loro amica e li stimi.Invece i Tedeschi considerano la Francia terra per futuri parcheggi.Lasciamoli vivere nella loro smisurata presunzione,ignoranza e sporcizia.Non miglioreranno mai

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog