Cerca

Sollecito presto da Amanda: 'Vado a trovarla, ne ho bisogno'

I due fidanzatini sono più uniti che mai. Raffaele: "E' stata lei ad invitarmi a Seattle. Io ho accettato con gioia"

Sollecito presto da Amanda: 'Vado a trovarla, ne ho bisogno'
Sono stati accusati di aver ucciso insieme Meredith Kercher. Sebbene a distanza, hanno condiviso le pene del carcere. Ed entrambi alla fine sono stati assolti in secondo grado, riconquistando la libertà dopo quattro anni.  Strano destino quello che lega Amanda Knox e Raffaele Sollecito, di certo una storia d'amore dai risvolti insoliti. Ma pare che tutto questo non abbia scalfito il sentimento tra i due fidanzatini, anzi forse l'ha rafforzato. Così, come riporta il settimanale Chi, Sollecito annuncia: "Certo che andrò a trovare Amanda a Seattle. E' stata lei a invitarmi. Io ho accettato con gioia. E non è detto che aspetti Natale. Potrei farlo anche prima. In qualunque momento. Ho voglia di rivederla, di parlare, di guardarla negli occhi".

"Abbiamo bisogno l'uno dell'altra" - "Ci telefoniamo o ci scriviamo tutti i giorni - spiega il ragazzo pugliese - abbiamo bisogno l'uno dell'altra sia per tentare di capire cosa è successo sia per guardare avanti, verso un futuro che sembrava spezzato per sempre e che invece possiamo ancora costruire. Abbiamo tante cose da dirci, dopo aver passato quattro anni in un girone infernale che ci ha stritolato, ci ha procurato sofferenze indicibili, ci ha rovinato la vita".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    26 Ottobre 2011 - 11:11

    perche'? lei non puo' andare a trovare lui? ah si si.. ho capito, lei non ci pensa nemmeno...

    Report

    Rispondi

  • Ade

    26 Ottobre 2011 - 11:11

    ebbene "sollecito" fà bene ad andare dall'americana per accordare i soni e per sviare i soloni incipriati. Comunque con queste persone il destino è crudele.

    Report

    Rispondi

  • charmant2

    26 Ottobre 2011 - 10:10

    Quando non c'è l'assoluta certezza del reato,è meglio assolvere che condannare. Che poi nel caso dei due ragazzi presunti assassini le indagini si siano svolte con superficialità,è tutto un altro discorso. Chi ha proceduto a tutti gli accertamenti senza dimostrare alcuna professionalità,andrebbe rimosso senza se e senza ma. Non si possono spendere sia tanto tempo,sia tanto denaro ed in più tenere due ragazzi in galera per quattro anni,per poi accorgersi che sono innocenti. Perchè tale è stato il giudizio dei Magistrati. Personalmente immagino che si sia in molti a pensare che se il ragazzo di colore non ha ucciso la studentessa trovata morta,se Amanda ed il suo ragazzo non hanno ucciso,ma allora chi diamine è stato? Mah! Ah!,dimenticavo,dalla finestra era entrato qualcuno che pur accorgendosi che la casa era abitata,non ha esitato a fare fuori una studentessa innocente forse intenta a sognare un futuro radioso colmo di felicità.

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    26 Ottobre 2011 - 07:07

    Sono due assassini che l'hanno fatta franca grazie all'incapacità degli inquirenti. Fateceli dimenticare!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog