Cerca

Europa anti-Cav? Perché ha scordato cos'è la sinistra

L'unica alternativa a Berlusconi è un governo con Bersani, Di Pietro e Vendola. Gente che ha già detto di no a tutte le riforme chieste dalla Bce

Europa anti-Cav? Perché ha scordato cos'è la sinistra
Altro che modello Zapatero! Se mai Silvio Berlusconi dovesse seguire il consiglio di emulare il premier spagnolo annunciando le sue dimissioni, il gran ballo della speculazione intorno ai Btp e Bot italiani con ogni probabilità aumenterebbe. Perché in Spagna senza Zapatero andrà secondo i sondaggi al governo un Partito popolare conosciutissimo e tranquillizzante per i mercati. In Italia non si sa quale possa essere l’alternativa, ma qualche certezza ormai esiste: vincesse le elezioni il trio Pier Luigi Bersani-Antonio Di Pietro-Nichi Vendola, lo spread con i bund tedeschi schizzerebbe a mille.

E a ragione veduta: le condizioni poste da Ue e Bce all’Italia nell’ultimo mese sono state solo parzialmente accolte dal governo Berlusconi, grazie alle resistenze di Umberto Bossi, ma allo stesso tempo sono state tutte rifiutate dal magnifico trio Bersano. Qualche esempio? Nella sua lettera la Bce chiedeva: «È possibile intervenire ulteriormente nel sistema pensionistico, rendendo più rigorosi i criteri di idoneità per le pensioni di anzianità e riportando l'età del ritiro delle donne nel settore privato rapidamente in linea con quella stabilita per il settore pubblico, così ottenendo dei risparmi già nel 2012».

La risposta del Pd sull’aumento dell’età pensionabile è stata: «Non è accettabile intervenire nuovamente sulle pensioni» (Cesare Damiano); «Non c’è bisogno di fare cassa sulle pensioni» (Rosy Bindi); «Niente scherzi sulle pensioni» (Francesco Boccia), «Se si vuole tappare un buco toccando le pensioni, noi diciamo di non azzardarsi» (Pier Luigi Bersani), «Non serve riforma pensioni» (sempre Bersani), «Non accettiamo che ritoccando le pensioni si voglia fare cassa» (ancora Bindi). Il responsabile economico di Sel, Massimiliano Smeriglio ha bollato il solo dibattito sull’aumento dell’età pensionabile delle donne come «accanimento sul corpo delle donne», il suo leader Nichi Vendola ha ironizzato sulla «curiosa forma di femminismo istituzionale», Antonio Di Pietro ha bollato la richiesta della Ue come «mostruosità», la solita Bindi ha chiuso ogni discorso sulla equiparazione delle pensioni rosa parlando di «macelleria sociale».

Nemmeno da affrontare la richiesta Bce di procedere spediti sulla privatizzazione dei servizi pubblici locali. Pd, Idv e Sel hanno votato sì al referendum sull’acqua. E la privatizzazione è stata definita sempre da Vendola «una bestemmia contro Dio». Perfino respinta al mittente la richiesta di Mario Draghi e Jean Claude Trichet di procedere svelti con l’abolizione delle province. Per Vendola è «solo un effetto speciale». Per Bersani non bisogna farle scomparire, ma al massimo «dimezzarle, perché poi quando c’è una frana c’è bisogno di qualcuno che vada». E chissà perché deve andarci una provincia: e nella metà cancellata, chi corre sul posto dove frana?

Pollice verso sulla flessibilità dei contratti aziendali. La Bce chiedeva: «C’è anche l’esigenza di riformare ulteriormente il sistema di contrattazione salariale collettiva, permettendo accordi al livello d'impresa in modo da ritagliare i salari e le condizioni di lavoro alle esigenze specifiche delle aziende e rendendo questi accordi più rilevanti rispetto ad altri livelli di negoziazione». Risposta di Vendola: «è un colpo alla nuca alla civiltà del lavoro». Risposta di Di Pietro: «è un atto improprio, incongruente e inaccettabile». Risposta di Bersani: «è una vergogna da togliere di mezzo». I mercati pronti a fare salire di diecimila punti lo spread.

Manco presa in considerazione la richiesta Bce di ridurre i costi del pubblico impiego bloccando turnover e stipendi e perfino mandando via dipendenti. «Basta attacchi al pubblico impiego», è stata la risposta corale di un comunicato del Pd. Bersani ha aggiunto: «se mandiamo a casa alla Carlona l’effetto può essere peggiore». Amen

di Fosca Bincher

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    27 Ottobre 2011 - 23:11

    ...Heil Hitler...mein fúrer aus bisaccia!!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    27 Ottobre 2011 - 12:12

    sì, hai ragione su tutto. Però quel "c'è l'ho" potevi evitarlo!!! altrimenti fai la figura del laureato ciannosecco.

    Report

    Rispondi

  • Mereno

    27 Ottobre 2011 - 11:11

    Che se L'Italia è in Europa è solo grazie ed esclusivamente ai Governi di Centro Sinistra, Dini, Amato, Ciampi, Prodi, Dalema. Che le uniche riforme serie in questi 15 anni sono state fatte esclusivamente dalla sinistra al Governo, tipo la riforma Bassanini che ha completamente riformato e cambiato nonchè snellito la buracazia, della pubblica amministrazione. Le privatizzazioni e le liberalizzazioni sono state fatte esclusivamente da Governi di Sinistra, Il debito pubblicio è sempre sceso quando c'era la sinistra, la pressione fiscale è stata sempre più bassa con i Governi di centro sinistra che non con Berlusconi. C'è L'ho ricordiamo tutti che la Sinistra fa politica ed è seria mentre Berlusconi è un Buffone, vecchio, dedito solo al sesso e alle barzellette, non merita rispetto, nonè tato eletto dagli elettori, ma è stato nominato dal Capod ello Stato ed ha ricevuto la fiducia da un gruppod i Parlamentari nominati e proporzianlmente non corrispondenti al voto elettorale.

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    27 Ottobre 2011 - 10:10

    Ferma restando l'improponibilità del Berlusca,..ormai screditato (anche per colpe sue..effettive..)..a livello nazionale ed internazionale,..resta di tutta evidenza che il rimanente..è solo fuffa..ammufffita..altamente pericolosa..Non sono in grado nè di proporre una leadership credibile, affidabile..nè tanto meno uno straccio di programma..serio, efficace..Solo distruttiva demagogia..all'amatriciana..basata solo sull'antiberlusconismo di maniera..A questo.. l'ultima spiaggia..è rappresentata..solo da quel vispo giovanotto..di Firenze..Anche se ..tutti insieme..(..accumunati dall'irresponsabile libidine autodistruttiva..ma anche.. salvachiappe..- le proprie-)..faranno di tutto (anche l'apparentemente..impossibile) per ostacolarlo, distruggerlo..attraverso il discredito, le calunnie, le imbecillità....Forza Matteoo!!..Non si faccia intimidire..da questa manica di cialtroni, irresponsabili, sanguisughe..allo sbando..!! Ci faccia uscire dal pantano..nero!!

    Report

    Rispondi

blog