Cerca

Giudice prende figlia a cinghiate 'Non deve scaricare file dal web'

Guarda il video choc: picchia la piccola di 16 anni sorpresa a scaricare illegalmente. Giudice texano non si pente: "Giusto così"

Giudice prende figlia a cinghiate 'Non deve scaricare file dal web'
Un giudice ha picchiato con la cintura la figlia di 16 anni sorpresa a scaricare illegalmente giochi e musica da Internet. Lei lo riprende e mette il video su Youtube. E' accaduto in Texas nel 2004, ma la ragazza ha condiviso con la Rete quella inaudita violenza subita solo adesso. Hillary Adams, questo il nome della giovane, ha spiegato: "Ammetto che ho qualche ripensamento, tenuto conto che molti pensano ancora che mio padre sia una brava persona. Tuttavia, tanti altri mi hanno detto che ho fatto bene. Mio padre non mi ha picchiato solo quella volta, accadde spesso per un periodo di tempo. Oggi, ad anni di distanza, credo che sia una persona che abbia bisogno di aiuto". Il giudice, William Adams, si è giustificato sostenendo: "Nella mia testa non ho fatto niente di male. Ho solo dato un po' di disciplina a mia figlia dopo che era stata sorpresa a rubare. Mi ha fatto perdere le staffe, ma le ho già chiesto scusa".  La commissione statale giudiziaria di condotta e dal Dipartimento del Texas per la Protezione delle Famiglie ha chiesto, infatti, l’immediata rimozione del giudice da ruolo che continua, ad oggi, a ricoprire. Il reato, passato in prescrizione 5 anni fa, non causerà la condanna di Adams al contempo, però, difficilmente gli permetterà di proseguire il proprio lavoro all’interno della magistratura.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mammagigi1

    05 Novembre 2011 - 16:04

    un bel pò, eppure non ho mai avuto rancore , nè sono cresciuta con complessi, non sono mai caduta nin depressione e nemmeno sono diventata anoressia e via dicendo. forse perchè non erano punizioni gratuite e nello stesso tempo in cui commettevo qualcosa di sbagliato sapevo che era sbagliato.

    Report

    Rispondi

  • RANMA

    05 Novembre 2011 - 10:10

    Io che come genitore non ho mai alzato una mano sui miei figli,non sono riuscito a guardare questi due ignobili figuri per più di pochi secondi..Lo strazio mi ha stretto il cuore.. Come legge del contrappasso avrei condannato allo stesso trattamento quei due schifosi...

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    04 Novembre 2011 - 23:11

    Partendo da un giudizio di tipo etico è inaccettabile che un funzionario dello stato, ipotetico garante dell'ordine sociale diventi veicolo spietato di violenza e di una furia animalesca che lascia attoniti. Garantire la correttezza sociale e l'educazione dei figli è un imperativo morale poichè esse sono alla base della convivenza civile, ma nessuno è al di sopra della legge, nè può permettersi di annichilire il diritto inalienabile delle persone a una crescita e ad una vita serena.

    Report

    Rispondi

blog