Cerca

Scandalo nazista per la Merkel 007 aiutavano i terroristi neri

I neonazisti si sono macchiati di orrendo delitti: 10 vittime tra turchi , greci e poliziotti. Il sospetto: i sevizi tedesci sapevano

Scandalo nazista per la Merkel 007 aiutavano i terroristi neri
L’incubo di una strage di Stato scuote la Germania: una cellula neonazista negli ultimi tredici anni ha seminato la morte tra gli immigrati turchi agendo pressochè indisturbata sotto gli occhi dei servizi segreti. La “Nationalsozialistische Unterground” (Clandestinità nazista) era capeggiata da due uomini e una donna: il figlio di un professore, un manovale disoccupato e una giardiniera. La loro storia criminale è finita il 4 novembre, poco dopo l’assalto a una banca di Eisenach, nel rogo di un camper in cui si sono tolti la vita il 38enne Uwe Mundlos e il 34enne Uwe Boehnhardt. Quattro giorni dopo la 36enne Beate Zschaepe si è consegnata alla polizia. La loro base era a Zwickau in Sassonia, nell’est della Germania.

Un video rinvenuto nella carcassa del camper rivendica un’orrenda catena di delitti iniziata nel  1998 con un attentato alla tomba dell’ex presidente della comunità ebraica di Berlino e proseguita fino al 2006 con bombe, rapine in banca e l’uccisione di nove immigrati, otto turchi e un greco (scambiato per turco) in diverse città tedesche. Le vittime erano modesti bottegai. Tutta gente inerme, assassinata con rivoltellate in faccia a bruciapelo. Nella maggior parte dei casi ha sparato una pistola Ceska Browning 83 calibro 7,65 fabbricata a Solothurn in Svizzera, per cui non si escludono simpatizzanti elvetici. Il video di 15 minuti è stato realizzato con i cartoni animati della Pantera Rosa, che ripercorre i luoghi dei delitti facendo un macabro giro della Germania. «Siamo una rete di camerati con la parola d’ordine: fatti anziché parole», si proclama nel video. «Fino a quando non vi saranno radicali cambiamenti nella politica, nella stampa e nella libertà di opinione, le attività continueranno». Nel camper c’era anche la pistola della poliziotta Michele Kiesewetter uccisa nel 2007 a Heilbronn mentre era di servizio su una Volante, per cui anche questo omicidio adesso viene messo sul conto della cellula di Zwickau.

Lo scandalo è che i terroristi neonazisti l’abbiano fatta franca per anni pur essendo costantemente nel mirino del Verfassungsschutz, il servizio segreto interno «per la protezione della Costituzione». «Una vergogna su cui bisogna fare luce» ha deplorato la cancelliera Merkel. Dalle prime indagini viene fuori che tra i clienti del bar di Kassel in cui nel 2006 fu ammazzato Yalit Y. c’era uno 007 del Verfassungsschutz. Rintracciato molto tempo dopo, l’agente ha assicurato che era nel bar per caso e non aveva udito gli spari perché stava smanettando siti erotici su internet.

Ieri la Bild ha scoperto che lo stesso agente si trovava sul posto in sei dei nove delitti. Sulla sua identità c’è il massimo riserbo. Il suo soprannome tra i nostalgici di Hitler sarebbe «piccolo Adolfo». Sono trapelate invece pesanti indiscrezioni sulla cooperazione a pagamento con i servizi segreti (deviati?) da parte di pezzi grossi del neo-nazismo. La stampa riferisce che Tino Brandt, il vice-capo dell’Npd (partito nazionaldemocratico) ha intascato dai servizi circa 200mila marchi fino al 2001 per spiare il gruppo eversivo Thuringer Heimatschutz (Difesa patriottica della Turingia) in cui militavano Mundlos, Boehnhardt e la Zschaepe. Quest’ultima, a partire dal 1998, avrebbe avuto frequenti contatti con gli informatori del Verfassungsschutz. I familiari delle vittime chiedono giustizia. «È insopportabile che per la morte di mio padre gli inquirenti avessero tirato in ballo la mafia e il narcotraffico», protesta Semiya, figlia di un fioraio turco ucciso nel 2000 a Norimberga. Die Welt commenta: «È in gioco la reputazione della Germania riunificata».

di Enzo Piergianni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • walter112

    03 Febbraio 2012 - 12:12

    Signori non siamo ridicoli allora cosa dovremmo dire della più grande democrazia del mondo gli USA ed il loro KU KLUX KLAN? QUANTI NEGRI HA FATTO FUORI IL kU kLUX kLAN?? Provate a darvi una mano di nero in faccia ed andate in Texas ed in Georgia, poi venite a rifferirmi come vi trattano!

    Report

    Rispondi

  • gitex

    16 Novembre 2011 - 16:04

    qualche diecina di nazis vogliamo condanare tutta la Germania? che scemenze.

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    16 Novembre 2011 - 10:10

    Ora la cancellina ha dar lezioni di vita? Faccia silenzio quel popolo nazista. Anni or sono avevo affari con la Germania per fortuna ora non ho più a che fare, quando andavo in Germania il mio nome e la presa in giro che avevo in faccia era ITALIANO MAFIOSO, dopo qualche mese che ho sopportato ho detto ad alcuni di loro" il popolo tedesche gradirebbe essere chiamato TEDESCHI NAZISTI ASSASSINI?" allora han smesso di far i cretini.Onestamente è un popolo che per alcune cose è da ammirare ma moltissime altre son i peggiori dell'europa.

    Report

    Rispondi

  • casertano

    16 Novembre 2011 - 10:10

    .. che dovrebbero darci lezioni.IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO VIVA L ITALIA

    Report

    Rispondi

blog