Cerca

Arrestato il figlio di Gheddafi l'ultimo baluardo del regime

Saif era sfuggito al blitz durante il quale venne ucciso il padre. Aveva preso il compando al posto del rais ririfugiandosi in Niger

Arrestato il figlio di Gheddafi l'ultimo baluardo del regime
Il regime di Gheddafi in Libia è probabilmente ufficialmente finito: il nuovo governo di Tripoli ha annunciato di aver arrestato Saif al-Islam, figlio del Colonnello, nel Sud della Libia. Dopo la caduta del regime libico, dell'uomo si erano perse le tracce e in molti credevano che Saif avesse trovato rifugio in Niger. Ricercato per crimini di guerra, è ora detenuto nei pressi a Obari, nel sud del Paese, ha detto il ministro Mohammed al-Allagui, citato dalla tv Al-Arabiya. "Saif al-Islam, ricercato dalla Corte penale internazionale (Cpi), è stato arrestato nel sud della Libia", ha detto al-Allaqui, senza fornire altri dettagli.

In fuga dopo la caduta - Scappato da Sirte nelle stesse ore in cui il padre e il fratello Mutassim restavano uccisi, il braccio destro del rais è stato dato a volte per morto, altre volte in fuga nei paesi limitrofi aiutato dai mercenari. Altre indiscrezioni riferivano invece di contatti con la Corte Penale internazionale. Contatti portati avanti da intermediari, aveva confermato il procuratore generale della Cpi, Moreno Ocampo. Ultimo del clan Gheddafi a restare vivo in patria, Saif, con lo scoppio della rivolta si è trasformato da 'colomba' in uno dei principali artefici della feroce repressione contro gli oppositori, sorprendendo un po' tutti. Questo potente ingegnere 39enne che ha studiato in Austria e Gran Bretagna era infatti noto come il più illuminato e riformista della famiglia del Raìs.

Guarda le foto nella Gallery: Ecco Saif, la Spada dell'Islam

Linciaggio - La tv libica al-Ahrar ha immediatamente trasmesso immagini di Saif al-Islam Gheddafi, dopo la cattura. L'emittente ha precisato che si tratta di un video girato con un cellulare. Nelle immagini Saif al-Islam appare vivo con la mano destra fasciata: si era ferito un mese fa durante un bombardamento. Non appena appresa la notizia una folla inferocita ha tentato di assaltare l’aereo su cui Saif al-Islam Gheddafi, il figlio   di Muammar Gheddafi catturato nelle ultime ore nel sud della Libia,   veniva trasportato da al Obari a Zintan. Lo ha riferito al-Jazeera. L'agenzia Reuters invece ci ha parlato, gli ha chiesto come stesse e Saif ha risposto: "Sto bene".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bersa56

    19 Novembre 2011 - 16:04

    mi dispiace tantissimo per l'arresto di saif, e per gli accadimenti succeduti alla sua famiglia. in libia stavano tutti bene:scuole gratis,acqua,energia,ETC. Vedremo ora questo CNT cosa saprà fare. Finora si sono viste solo bande di barbari scorazzare sparandoin aria in presenza di giornalisti TV. Mi auguro che SARKOZY faccia una fine peggiore di quella che ha fatto GHEDDAFI. Con l'augurio a SAIF di risolvere quanto prima i suoi problemi. A BERLUSCONI che tanto fà l'uomo integerrimo dico che non va bene per niente pugnalare gli amici alle spalle(GHEDDAFI) nonostante lo stesso GHEDDAFI gli abbia chiesto di intercedere per mettere fine ai bombardamenti. CARISSIMO PRESIDENTE BERLUSCONI il suo comportamento si commenta da sè. ciao a tutti Bersa 56

    Report

    Rispondi

  • mondolibero

    19 Novembre 2011 - 13:01

    Beh, torno a parlare o meglio a scrivere dopo i fatti noti ed arcinoti della morte del verme gheddafi poichè oggi ( ma la notizia circolava gia a tripoli ore prima di quanto si sapesse qui da noi )anche il figlio di...... è stato catturato, e adesso?no, non fategli fare la fine del padre, troppo umiliante, no, poverino in fondo ha solo picchiato, torturato, violentato e ucciso decine e decine di uomini e donne, sin'anche bambini, dai poverino mettiamolo in carcere processiamolo, in fondo ha solo consegnato armi ai libici perchè si sparassero a vicenda, ha solo esortato i soldati del padre a violentare donne e bambine nelle retate a tripoli durante gli scontri con il cnt dai poverino, ha fatto mutilare centinaia di neonati perchè a loro restasse a vita il marchio di chi era il padre.....BRUCIATELO VIVO QUESTO MAIALE datelo in mano ai nuovi libici e fatelo fuori ma che se ne renda conto così si ricorda di chi era suo padre ciao saif vattene affanculo e adesso tocca ad al saadi e aisha

    Report

    Rispondi

blog