Cerca

Strangolata e poi accoltellata Italiana assassinata a New York

La giovane originaria di Spoltore studiava al College Hunter. Viveva da cinque anni a Harlem con il fidanzato

Strangolata e poi accoltellata Italiana assassinata a New York
Una studentessa italiana è stata assassinata ad Harlem, a New York. Il cadavere di Rita Morelli, 36 anni, da cinque negli Stati Uniti, è stato trovato dal fidanzato nell’appartamento che i due condividevano al 205 della 120ma strada nella parte est del quartiere newyorkese. La donna, originaria di Spoltore, nel pescarese, è stata prima strangolata e poi accoltellata al petto e al collo, ha riferito il sito Dnainfo.com. Qualche ora prima i vicini l’avevano vista in compagnia di un uomo nella veranda dell’appartamento di fronte. "Sembrava calma, ma quello non era il suo ragazzo", ha riferito agli investigatori Lee Stefanis, che la conosceva ed aveva incrociato i due uscendo dall’edificio. La ragazza, secondo una vicina che vive al piano sopra quello della donna assassinata, l'ha poi vista rientrare in casa: "L'ultima cosa che mi ha detto è stata 'Copriti, fa proprio freddo!'", ha raccontato, ma non ha saputo spiegare come l’assassino possa essere entrato nell’edificio: "Probabilmente, si è limitato a citofonare". Rita Morelli studiava al College Hunter e con il compagno lavorava in un ristorante italiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • darkstar

    27 Novembre 2011 - 20:08

    L'omicidio é avvenuto a New York, la piú multirazziale delle cittá americane, dove solo il 25% della popolazione é bianco, per di piú nel famigerato quartiere di Harlem un ghetto nero. L'epilogo era annunciato: un "cittadino del mondo" non bianco l'ha aggredita e violentata, come ormai succede regolarmente anche da noi. cari svitati "antirazzisti" é questo il risultato delle vostre idee ?

    Report

    Rispondi

blog