Cerca

Follie crucche: Papa denunciato "In papamobile senza cinture"

Un cittadino di Dortmund querela Benedetto XVI: durante il suo viaggio in Germania non rispettava le norme di sicurezza

Follie crucche: Papa denunciato "In papamobile senza cinture"
Le regole sono regole e vanno rispettate da tutti, a cominciare dai cittadini più illustri. E si sa quanto i tedeschi tengano a questo principio. La proverbiale severità teutonica deve avere sicuramente animato quel signore di Dortmund che ha sporto denuncia addirittura contro Benedetto XVI, colpevole, a suoi occhi, di non avere indossato le cinture di sicurezza sulla Papamobile, durante la sua visita in Germania a settembre. Lo studio legale che rappresenta il querelante, il cui nome non è stato reso noto, ha perfino allegato alla denuncia una lista di testimoni. Inoltre, si stigmatizza il comportamento delle autorità tedesche, come l’arcivescovo di Friburgo e il capo della Chiesa cattolica in Germania, che avrebbero assistito senza intervenire alla presunta violazione delle norme di sicurezza stradale da parte del Pontefice .

Preoccupato per il Papa - La denuncia, la cui esistenza è stata confermata dalle autorità cittadine, è stata presentata a Friburgo, ultima tappa del viaggio papale in Germania. Gli avvocati e i giudici dovranno ora valutare se il Papa, cittadino tedesco, debba essere trattato come un qualunque altro cittadino o se goda di immunità diplomatica, in quanto capo di Stato. A quanto pare, il querelante, secondo quanto ha riferito lo studio legale che lo rappresenta, pur non essendo cattolico, non è animato da alcun fervore laicista nei confronti di Benedetto XVI. L'uomo si sarebbe deciso a sporgere denuncia dopo avere assistito a un  drammatico incidente stradale, poco dopo la visita del Pontefice in   Germania. A motivarlo, sarebbe quindi stata una sincera preoccupazione  per l'incolumità del Papa, messa a suo giudizio a repentaglio dal mancato uso delle cinture di sicurezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bobirons

    28 Novembre 2011 - 20:08

    Da gente che ha pianificato a sangue freddo la Endloesung der Judenfrage (soluzione finale del problema ebraico) e che, nello spirito quasi iconoclasta della Riforma vorrebbe, cristianamente, crocifiggere ogni cattolico, da questa gente non è lecito aspettarsi altro che ca..ate di questo genere. Le recenti prese di posizione, su altri temi, della virago berlinese sono ulteriore conferma dello spirito xenofobo di una cultura. Quindi, per estensione, il progetto EU piano piano si sta muovendo dalla pari dignità degli Stati all'assoggettazione voluto dallo spirito germanico da sempre imperiale, che cominciò con un certo Carlo detto Magno.

    Report

    Rispondi

  • Baronedel Carretto

    28 Novembre 2011 - 12:12

    Se vi è ancora tempo per queste cazzate vuol dire che noi europei siamo un popolo di derelitti mentali.

    Report

    Rispondi

  • Tina Ferrari

    26 Novembre 2011 - 22:10

    Questo e' l'esempio di quanto possano essere diversi il popolo tedesco da quello italiano !!! Altro che bilanci in ordine, in fila, tutti buoni e zitti. Noi italiani non saremo mai come i tedeschi, in fila non ci mettera' mai nessuno, ucciderebbero il nostro DNA che e' fantasia, creativita' bellezza, eleganza. A loro non resta che invidiarci. Esempio classico ne e' anche la SIG, MERKEL possiamo farle indossare anche l'abito piu bello realizzato da uno dei nostri stilisti migliori...ma sara' sempre una "contadina vestita della festa" Senza voler offendere le nostre contadine.!!

    Report

    Rispondi

  • RagionaBene

    26 Novembre 2011 - 20:08

    Consiglio qualche seduta di psicanalisi al buon tedesco.

    Report

    Rispondi

blog