Cerca

Traditori Angela Merkel prepara una via di fuga La furbetta va in Svizzera a stampare marchi

La Merkel avrebbe dato mandato a 2 tipografie elvetiche per sfornare la vecchia moneta. Interrogazione a Strasburgo

Traditori Angela Merkel prepara una via di fuga  La furbetta va in Svizzera a stampare marchi

Angela Merkel fa la furba. Mentre davanti all'Europa fa la dura e continua a minacciare sanzioni verso i Paesi più deboli per salvare la moneta unica, zitta zitta sta cercando una via di fuga per la Germania. Si fanno sempre più insistenti, infatti, le voci relative al fatto che avrebbe cercato aiuto in Svizzera per stampare la vecchia moneta teutonica, il marco. La scelta di ricorrere a due tipografie elvetiche è dettata dai trattati istitutivi dell'Unione Monetaria: i Paesi che aderiscono all'euro non possono tornare a battere il vecchio conio. Come rivela Affari Italiani, in una di queste due tipografie già si stampano rubli russi e dong vietnamiti.

La Germania scarica l'Europa - Ovviamente, se fosse vero, crescerebbe ulteriormente il panico nei mercati finanziari. Tanto che Mara Bizzotto, europarlamentare della Lega Nord ha presentato un'interrogazione urgente alla Commissione "affinchè sia fatta chiarezza al più presto sull'argomento". Il punto è che il Vecchio Continente e l'unione monetaria rischiano di crollare, così il piano B di Angela potrebbe prevedere il ritorno al Marco. "Il fallimento dell'euro - ha proseguito la Bizzotto - è ormai sotto gli occhi di tutti, e la cosa che stupisce di più è che un Paese come la Germania, vero pilastro della moneta unica, stia già pensando di scaricare l'Unione Europea".

La conferma di Borghezio - A complicare ulteriormente il quadro ci si è messo poi l'europarlamentare della Lega Nord, Mario Borghezio, che sempre ad Affari Italiani ha svelato: "So che un ente collegato al ministero della Difesa tedesco, in ordinea a un piano B sul probabile crollo dell'euro, sta predispondendo la stampigliatura con inchiostro indelebile sulla nuova produzione della moneta unica con la scritta euro-tedesco. In realtà - ha concluso Borghezio - si tratta di un ritorno al vecchio marco. L'euro tedesco sarebbe l'unico accettato in Germania e servirebbe a garantire la genuinità tedesca".

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    01 Dicembre 2011 - 19:07

    Un abbraccio? Te ne ho mandati almeno cinquanta.Spero solo che la tua assenza dal forum sia dovuta ,come lo è per me,ad un esubero d'impegni e non per problemi di salute. Speriamo di risentirci,ti stanno cercando invano GMTubini e cgluschi , ma tu ti fai desiderare.Comunque non perdiamoci di vista.

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    01 Dicembre 2011 - 18:06

    Che piacere incontrarti. Vedo che la memoria non ti manca,mio consorte. Il caloroso abbraccio che mi hai mandato devo essermelo perso,ma se vuoi rimandarmelo,lo accetto ora. Un abbraccio.

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    01 Dicembre 2011 - 15:03

    l'Italia dovrebbe rivalersi sui beni del mortazza e del suo compare ciampi

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    01 Dicembre 2011 - 14:02

    Nel frattempo,verifica se ti sia arrivato il mio abbraccio caloroso.Ciao " mia consorte".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog