Cerca

Giornalista ucciso in Russia denunciò gli abusi del potere

I killer hanno atteso che uscisse dalla redazione per ammazzarlo. Dal 1992 sono oltre 70 i cronisti assassinati in Russia

 Giornalista ucciso in Russia denunciò gli abusi del potere

Un altro giornalista scomodo è stato assassinato la scorsa notte nel Caucaso, in Daghestan, Repubblica autonoma della Federazione Russa. Si tratta di Khadzhimurad Kamalov, fondatore del settimanale politico 'Chernovik'. L'uomo è stato ucciso da ignoti non appena uscito dalla redazione a Makhachkala, capitale della Repubblica caucasica dove il calcio locale sta attraendo stelle della levatura di Samuel Etòo. Gli inquirenti che stanno indagando sul luogo del delitto hanno riferito che l'uomo è stato ferito a morte a colpi di pistola da individui con il volto coperto. E’ deceduto poco dopo l'arrivo in ospedale. Kamalov era noto per le sue critiche alle autorità: aveva più volte denunciato gli abusi delle forze dell’ordine nella repressione dell'insurrezione islamica nella vicina Cecenia, e poi in tutto il Caucaso russo.
Due anni fa, sempre nel Caucaso, era stata uccisa Natalia Estemirova che lavorava per l'Ong 'Memorial' e per il quotidiano 'Novaja Gazeta', lo stesso giornale di Anna Politkovskaya. Dal 1992 sono più di settanta i giornalisti eliminati in Russia, di cui 52 per motivi legati al loro lavoro, secondo l'americano Committee to Protect Journalists.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    16 Dicembre 2011 - 13:01

    Purtroppo accade a chi critica gli amici del catramato diversamente alto.

    Report

    Rispondi

blog