Cerca

Battisti non molla: "Amnistia" Poi racconta: "Ballo la samba"

L'ex terrorista si traveste da intellettuale, presenta il suo ultimo libro e chiede ancora di non scontare la pena per i quattro omicidi

Battisti non molla: "Amnistia" Poi racconta: "Ballo la samba"

L'ex terrorista Cesare Battisti si traveste da intellettuale e sforna un nuovo libro, presentato nella città di Fortaleza, in Brasile, e nel quale racconta il periodo trascorso nelle celle di Brasilia. L'ex membro dei Pac condannato all'ergastolo in Italia per quattro omicidi ha colto l'occasione per ribadire la richiesta di amnistia all'Italia, l'ennesimo insulto al nostro Paese. Battisti ha fatto "un appello al popolo e ai politici italiani in buona fede, affinché sia posta una pietra sul passato". Una pietra che vuole porre solo lui e della quale i parenti delle sue vittime non vogliono nemmeno sentir parlare. La presentazione del libro di Battisti, Ai piedi del muro, è avvenuta nella sede di un sindacato di docenti a Fortaleza, la città da cui, nel 2004, l'ex terrorista è entrato nel Paese.

Battisti pensa alla samba - L'ex membro dei Pac continua a ribadire le sue assurde richieste: "Anni fa, Francesco Cossiga disse che la guerra era finita, e quando ciò succede i prigionieri possono toranare a casa": peccato che a casa, in Italia, Battisti non voglia scontare la sua pena. Così ripete: "Ci vuole un amnistia. Altri Paesi, tra i quali la Francia, lo hanno fatto". Dopo aver parlato del suo libro, Battisti ha continuato a snocciolare particolari sulla sua vita privata. "Nel quartiere dove abito a Rio - ha spiegato - sono diventato amico di molta gente, tra l'altro del direttore della scuola di samba Bola Preta, anche se chiaramente nel quartirere c'è chi non mi è amico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • parigiocara

    23 Dicembre 2011 - 06:06

    ma vafffffaaaannnnncccccccccc..................

    Report

    Rispondi

  • lobadini

    21 Dicembre 2011 - 12:12

    questo stato cialtrone è forte con i deboli e debolissimo con i forti(Sinistrosi del cazzo!!) Battisti bisogna andarlo a prendere con una squadra speciale come fecero gli Israeliani con i criminali nazisti....ma lui è uno di sinistra e quindi un "perseguitato" politico ospite di un paese governato da una terrorista rossa.

    Report

    Rispondi

  • samuel80

    20 Dicembre 2011 - 15:03

    Ma lasciatelo marcire nell'oblio della fogna che lo ospita.

    Report

    Rispondi

  • Barbadifrate

    20 Dicembre 2011 - 14:02

    Anche in Italia, negli anni scorsi, lui eliminava volentieri coloro che non gli piacevano. Che erano, sempre secondo lui, nemici del sistema. Bene, spero che in Brasile, coloro che non sono amici di Cesare Battisti gli facciano fare la stessa fine che lui ha riservato ai suoi connazionali italiani. Altro che amnistia. Se ci fosse amnistia sia per reati minori non per chi è stato spietato e vorrebbe tornare a casa per riprendere la lotta. Sebbene penso che, via intenet, la lotta non l'abbia mai abbandonata.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog