Cerca

Risse in Cina per l'ultimo Apple Sospesa vendita iPhone 4s

Gli store di Pechino e Shangai presi d'assalto e una guardia era stata malmenata solo per aggiudicarsi il telefonino della Mela

Risse in Cina per l'ultimo Apple Sospesa vendita iPhone 4s

Pomodori contro le vetrine, schiaffi tra clienti e commessi: una rissa vera e propria solo per acquistare l'ultimo modello dell'Iphone. E' successo in Cina dove la Apple è stata costretta a sospendere le vendite dell’iPhone 4S nei suoi negozi a Pechino e Shanghai per garantire la sicurezza di clienti e impiegati dopo gli episodi di delirio collettivo. "La richiesta è stata incredibile", ha spiegato la portavoce della compagnia nel paese, Carolyn Wu, "e le scorte in magazzino sono esaurite". Lo store di Pechino era stato preso d’assalto e una guardia era stata malmenata: "Non siamo in grado di riaprire lo store di Salitun (a Pechino, ndr) per la ressa e di metterlo in sicurezza, perciò l’iPhione non sarà disponibile sia nella capitale che a Shangai". I clienti potranno comunque ordinare lo smartphone online o comprarlo dal partner di Apple in Cina, China Unicom.

guarda il video su Libero Tv

Assoldati per 10 euro - Un uomo intervistato tra la folla ha riferito di aver ricevuto 100 yuan (poco più di 10 euro) per passare la notte davanti all'esercizio e comprare gli smartphone per poi rivenderli a prezzi gonfiati. Secondo testimoni, molte tra le persone arrivate ieri erano state assoldate per accaparrarsi il nuovo modello di iPhone e speculare sul prezzo. Non è la prima volta che il negozio di Pechino viene chiuso per tafferugli. A maggio scorso le vendite sono state sospese per diverse ore in seguito a un litigio tra un cliente e un impiegato in occasione della vendita dell'iPhone 4, il modello precedente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog