Cerca

Pakistan, rapito un italiano. La Farnesina: "E' cooperante"

La notizia data dalla tv Geotv confermata dal ministero degli Esteri. I sequestratori lo hanno costretto a indossare lo Shalwar kameez

Pakistan, rapito un italiano. La Farnesina: "E' cooperante"

La Farnesina conferma il rapimento di un cittadino italiano avvenuto oggi in Pakistan a Multan, nella zona Sud del Punjab. Sul suo sito, l'emittente pakistana Geotv scrive che "In base alle prime notizie degli sconosciuti armati hanno portato via due lavoratori stranieri. Secondo alcuni testimoni, i sequestratori avrebbero minacciato i due con le armi e li avrebbero costretti a indossare lo Shalwar kameez (tipico vestito nazionale pakistano) prima di portarli via". Non appena ricevuta la prima indicazione di quanto accaduto, l'Unità di Crisi del Ministero degli Esteri ha immediatamente attivato tutti i canali utili per seguire da vicino la vicenda e promuoverne la positiva soluzione. Il ministro Terzi ha chiesto di essere costantemente informato sugli sviluppi del caso. Il ministero mantiene al contempo un continuo contatto con la famiglia del rapito. Analogamente alla condotta tenuta in passato per analoghi casi, "ci si atterrà - spiega la Farnesina - ad una linea di riserbo, per la quale ci si appella alla collaborazione degli organi di informazione allo scopo di non compromettere gli sforzi per giungere alla liberazione del nostro connazionale".  Secondo le fonti di polizia interpellate dall’agenzia indiana Pti, non è escluso che gli operatori italiano e tedesco della ong Welthungerhilfe siano stati prelevati da agenti   dell’intelligence che li tratterrebbero per interrogarli.

Palermitano - Si chiama Giovanni Lo Porto il 38enne volontario italiano rapito. E’ quanto si apprende da Twitter. Lo Porto, nato a Palermo, si è laureato alla London metropolitan University e alla Thames Valley University. Prima di collaborare con l’Ong tedesca Welthe Hunger Hilfe ha lavorato in qualità di 'project manager' con il Gruppo Volontario Civile, con Cesvi Fondazione Onslus, Coopi- Cooperazione Internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    21 Gennaio 2012 - 09:09

    Non lo sapeva con che razza di gente andava a "cooperare" ? E' ora di finirla con questa gente che si caccia nei guai e poi gli altri li devono salvare. FNC !

    Report

    Rispondi

  • raucher

    20 Gennaio 2012 - 12:12

    La foto scelta serve ad illustrare le bellezze del Pakistan? E dire che spendono soldi per costruire e gestire ( immagino come) armi nucleari!

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    19 Gennaio 2012 - 21:09

    Per Me possono anche farlo fuori...poteva rimanere nel suo Paese ad aiutare i poveri italiani al posto di andare ad aiutare quella gente di merda !

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    19 Gennaio 2012 - 21:09

    Esaustiva di come sono messi in quel paese.A loro basta pregare che tutto va bene.Per il resto dire che mangiare e bere è un optional determinato dall'andamento dei cicli monsonici conseguenti alle carestie è verità.Pero' hanno la bomba islamica.Ed allora è meglio lasciarli nella me***da in cui si trovano sperando che ci si strafoghino.Popolo di straccioni.

    Report

    Rispondi

blog