Cerca

Afghanistan, uccisi 4 francesi Sarkò pensa al ritiro anticipato

Feriti 16 soldati transalpini. Il presidente sospende la missione di addestramento e valuta l'ipotesi di far rientrare le truppe

Afghanistan, uccisi 4 francesi Sarkò pensa al ritiro anticipato

Quattro soldati francesi sono rimasti uccisi in Afghanistan: i militari appartenevano alle truppe Nato e sono stati colpiti da un soldato dell'esercito afghano nell'est del paese. Il militare afghano responsabile della strage è stato arrestato. L'uomo, che indossava la divisa dell'esercito locale, ha aperto il fuoco sul contingnente francese, uccidendone quattro componenti e ferendone altri 16. Dopo l'attacco, avvenuto nel distretto di Tagab, nella parte orientale dell'Afghanistan, Nicolas Sarkozy ha interrotto la missione di addestramento delle forze afghane e ha ventilato l'ipotesi del ritiro. "La questione di un rientro anticipato dei militari francesi si pone qualora le condizioni di sicurezza non verranno ristabilite", ha spiegato il presidente francese, che fra tre mesi si dovrà sottoporre alla prova delle urne. "Non posso accettare che soldati afghani sparino su soldati francesi", ha aggiunto. Sarkò.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • migpao

    20 Gennaio 2012 - 15:03

    già... ritira i militari dal fronte orientale, ma non certo l'esercito di geologi alla caccia dei giacimenti di uranio posti a meridione.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    20 Gennaio 2012 - 13:01

    E noi,siamo nelle medesime condizioni.Ci illudiamo di voler cambiare il mondo con quattro soldati.Il mondo,con i suoi corsi e ricorsi,non cambierà mai.Cattivi da una parte e buoni dall'altra.Almeno ,però,facciamo in modo di essere più realisti e meno ipocriti.Lasciamo che la storia se la scrivano gli interessati.

    Report

    Rispondi

blog