Cerca

La Cina vieta l'imene artificiale Le promesse spose nel panico

Le autorità sospendono la vendita di una membrana che rilascia liquido rosso al momento del rapporto simulando la verginità

La Cina vieta l'imene artificiale Le promesse spose nel panico

Le relazioni matrimoniali non sono ben viste e allora tra le giovani cinesi sta spopolando l'imene artificiale. Si tratta di una membrana gelatinosa che rilascia del liquido rosso al momento del rapporto: in questo modo le ragazze possono fingere la rottura dell'imene vero e 'garantendo' la verginità della donna che pare l'uomo cinese pretenda ancora.
L'imene artificiale fino a qualche giorno fa si poteva acquistare direttamente on line. Ma le autorità di Pechino lo hanno ritirato dal mercato dopo che un team di esperti lo ha dichiarato pericoloso per il fatto di contenere sostanze che possono causare serie infezioni. Sulla confezione, c'è scritto che il prodotto non solo "ripristina il divertimento nel matrimonio delle donne" ma anche che "previene infezioni batteriche, elimina gli odori, promuove il metabolismo delle donne, migliora la vita sessuale e migliora la qualità della vita coniugale". La notizia del ritiro dal commercio dell'imene artificiciale ha scatenato i commenti di protesta di molte ragazze che su internet chiedono se si riesce a trovare il prodotto al mercato nero, bypassando i divieti della vendita online. Fino ad ora veniva venduto sul portale commerciale più famoso di Cina, Taobao, a 37 yuan, circa 4 euro, più spese di spedizione.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    06 Febbraio 2012 - 17:05

    Dovevi vedere ieri come era impaginato nel web,sotto c'era questo articolo e sopra c'era l'articolo " Premio-choc della lotteria: sparare a un cervo " con tanto di foto dell'animale cornuto.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    05 Febbraio 2012 - 03:03

    chi scrive i titoli e' un genio. Mi ha fatto ridere per 10 minuti, e solo il titolo. Complimenti, quando ce vo' ce vo'!

    Report

    Rispondi

blog