Cerca

Eastwood inguaia Marchionne Spot Chrysler filo Obama?

Negli Usa è polemica su "Halftime", la clip andata in onda durante il Superbowl: sembra tifare per la rielezione del presidente

Eastwood inguaia Marchionne Spot Chrysler filo Obama?

Il repubblicano Clint Easwood mette nei guai la Chrysler e Sergio Marchionne per uno spot troppo "filo-Omaba". Al centro delle polemiche negli Stati Uniti è finita la clip pubblicitaria trasmessa al Superbowl di football americano per raccontare la ripresa della casa automobilistica e della città che la ospita, Detroit. Lo spot di due minuti, dal titolo "Halftime", dall'intervallo tra i due tempi della partita (l'evento mediatico più seguito al mondo) parla anche, e soprattutto, della difficile situazione economica che tutta l'America si trova ad affrontare, e dà un messaggio secondo molti commentatori subliminale.


Le polemiche
- "La gente di Detroit ha perso quasi tutto, abbiamo trovato il modo per superare momenti difficili, Detroit mostra che si può fare", dice l'82enne attore e regista, che nel 2008 ha girato nella città  del Michigan il film "Grand Torino". "Ora Motor City ha ripreso a combattere, questo paese non può essere messo al tappeto solo con un pugno - aggiunge ancora Eastwood, con esplicito riferimento a tutta la nazione - è l’intervallo America, e il nostro secondo tempo sta appena per iniziare". Un assist, anzi un mega-spot al presidente Obama in vista della rincadidatura alla Casa Bianca? In molti l'hanno letto così, anche considerato l’impegno personale del presidente per il salvataggio dell’industria automobilistica. E lo stesso superconsigliere della campagna per la rielezione di Obama, David Axelrod, ha definito il video "uno spot potente".

La difesa di Marchionne
- Diverso il tono del blogger conservatore Michel Malkin: "Ma ho appena visto Clinton Eastwood in uno spot per il bailout delle auto?", si è domandano polemicamente, facendo riferimento al fatto che l'attore americano non ha nascosto le sue simpatie per i repubblicani, per i quali è stato anche sindaco di Carmel. Senza contare che nel 2010 aveva criticato il salvataggio di banche e industrie con i soldi dei contribuenti. Dalla Chrysler comunque si insiste che lo spot non ha nulla a che vedere con la politica: "Ha zero contenuto politico", ha dichiarato il Ceo Sergio Marchionne in un’intervista con una radio di Detroit. Mentre invece, ha sottolineato, lo spot vuole essere un tributo ai lavoratori della Chrysler "perché dice qualcosa sulla capacità di ripresa dell’America".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • silente

    07 Febbraio 2012 - 14:02

    se avessero fatto uno spot del genere in Italia pro-Berlusconi, non oso immaginare i commenti e il "fuoco di fila" dei nostri radical-chic...ma considerato che è pro-Obama allora va bene così...OBAMA, l'unico nobel per la pace che è riuscito a fare una guerra...ahh già è vero, era una guerra giusta, si xchè dovete sapere che ci sono guerre e guerre, quelle di sx sono ok, quelle di dx invece.......

    Report

    Rispondi

  • JZS

    07 Febbraio 2012 - 11:11

    Obama ha dato a Marchionne parte della Chrysler esattamente come Prodi a fatti con l 'Alfa Romeo dato alla Fiat. Ino ltre, Obama ha già offerto a Marchionne svariati migliardi di $ (Soldi dei contribuenti Americani) attraverso l' EPA (environment Protection Agency) per fare sviluppare motori di auto meno inquinanti!!! Leggendo il giornale 'La Stampa' di Torino si vede come Marchionne sia a tutti gli effetti il portavoce di Obama. Praticamente io faccio un favore a te e tu fai un favore a me!!!!! Peccato che novembre 2012 si avvicini e Obama (se NON emana una legge marziale) verrà spazzato via.

    Report

    Rispondi

blog