Cerca

Rivendicazione talebana "L'italiano rapito è con noi"

Il cooperante Giovanni Lo Porto era stato catturato insieme a un collega tedesco il 19 gennaio. Si trova in Pakistan. Nessuna richiesta per ora

Rivendicazione talebana "L'italiano rapito è con noi"

I Talebani del Pakistan hanno rivendicato il rapimento del cooperante italiano Giovanni lo Porto e di un suo collega tedesco, avvenuto il 19 gennaio scorso a Multan, nella provincia orientale del Punjab. "I due operatori umanitari sequestrati a Multan quasi un mese fa sono nelle nostre mani, vicino alla frontiera con l’Afghanistan", ha affermato un capo guerrigliero che parlava via telefono satellitare. "Sono entrambi in buona salute. Per il momento non abbiamo presentato richieste", ha tagliato corto. Lo Porto, 38 anni, palermitano, assieme all’altro ostaggio lavora per l’Ong tedesca 'Welt Hunger Hilfe'. Furono catturati mentre tornavano alla loro abitazione dalle zone alluvionate di Qasim Bela, vicino a Kot Addu. In quest’ultima città il 23 gennaio sono stati arrestati quattro sospetti; secondo gli inquirenti locali, si tratterebbe di un "sequestro a scopo di estorsione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    11 Febbraio 2012 - 22:10

    il mondo islamico è un cancro da debellare. Noi accogliamo, coccoliamo, nutriamo ed agevoliamo le loro orde di straccioni e arroganti... ecco la ricompensa! Ma questi volontari et similia non potrebbero aiutare gli anziani, i poveri, le famiglie monoreddito ecc ecc ITALIANE? Cos'è tutta questa xenofilia quando le difficoltà economiche le abbiamo in casa nostra? Quoei popoli li stiamo viziando... aiuti portati in casa, frontiere aperte per qualsiasi avventuriero e morto di fame che pretende di "vivacchiare" in Italia, stato sociale omaggiato a montagne. Adesso basta.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    11 Febbraio 2012 - 14:02

    Per Mè li possono anche ammazzare...Cosi' imparano ad aiutare le scimmie antropomorfe islamiche che non meritano niente. Potevano rimanere a casa loro ad aiutare i meno abbienti che sono sempre piu' numerosi,al posto di fare gli "alternativi di sinistra" a casa dei mostri figli di Allah !

    Report

    Rispondi

blog