Cerca

La vendetta di Ahmadinejad Theran ci taglia il petrolio

L'Iran annuncia di voler sospendere le esportazioni di greggio verso sei paesi europei. Poi fa dietro front e smentisce

La vendetta di Ahmadinejad Theran ci taglia il petrolio

L’Iran ha tagliato le esportazioni di petrolio nei confronti di sei paesi europei come ritorsione alle sanzioni imposte dall’Ue a Theran. Le nazioni interessate sono Italia, Francia, Spagna, Paesi Bassi, Grecia e Portogallo. Stamani i sei ambasciatori dei Paesi dell’Ue colpiti dal   provvedimento, tra cui quello italiano Alberto Bradanini, sono stati "invitati" dal ministero degli Esteri di Teheran in merito alla   decisione dell’Ue di imporre un nuovo pacchetto di sanzioni alla Repubblica Islamica. Secondo l’agenzia d’informazione ufficiale 'Irna', gli ambasciatori sono stati ricevuti da Hassan Tajik,  direttore generale per gli Affari Europei presso il ministero degli Esteri iraniano. Ma Michael Mann, portavoce dell’Alto rappresentante   per la politica estera e di sicurezza comune europea, Catherine Ashton, smentisce. "Non abbiamo informazioni di questo tipo", ha detto. Quanto a possibili piani di emergenza che l’Ue potrebbe mettere in campo nel caso in cui il taglio delle forniture fosse confermato,   la portavoce del commissario all’Energia, Marlene Holzner, ha chiarito: "Il petrolio è sul mercato, l’Arabia Saudita ha già detto   che aumenterà la produzione" quando, dal prossimo primo luglio, entrerà in vigore il bando Ue sulle importazioni di petrolio.

Poi la smentita - La smentita è arrita poi anche dal ministero degli Esteri iraniano. Lo ha riferito a LaPresse l'ambasciatore italiano a Teheran, Alberto Bradanini, facendo sapere di aver contattato il ministero iraniano, che sta per diffondere una comunicazione formale.

Nucleare avanti - Intanto l'agenzia stampa ufficiale Irna sostiene che il presidente Mahmoud  abbia inserito la prima barra di combustibile nucleare nel reattore, che si trova nella zona nord della capitale. La tv di Stato ha trasmesso in diretta la cerimonia, mostrando gli scienziati nucleari mentre descrivevano ad Ahmadinejad il processo di inserimento.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    17 Febbraio 2012 - 14:02

    Di che parti sei?Quella parola usata per definire il rachitico non mi è nuova.....

    Report

    Rispondi

  • lulumicianera

    16 Febbraio 2012 - 15:03

    si beva pure il suo petrolio,vediamo quanto resisterà

    Report

    Rispondi

  • tinverpier

    16 Febbraio 2012 - 07:07

    in attesa che israele ce lo tolga di mezzo per sempre, dovremo svegliarci da subito ed investire massicciamente nella fusione fredda di focardi rossi e/o di defkalion : entro 2- 3 anni ci riscalderemo TUTTI con l' e-cat o con l'Hiperion e ce ne strafregheremo di questo pazzo e di altri come lui - nel frattempo speriamo di liberarci anche di formigoni and company , il suo cened ed altre meraviglie parassitarie pseudo risparmiose

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    15 Febbraio 2012 - 18:06

    ...Ahmadinejad farebbe un piacerone ai nostri pseudo ambientalisti,nemici di alternative utili e sufficienti per soddisfare l'energia occorrente a questo Paese improvvido sottoposto agli umori di tutti.Abbiate fede,perchè non tutto viene per nuocere: Russia riduce il fornimento,Egitto non si sa come andrà a finire coi...fratelli,Algeria sta meditando,la Francia rompe un traliccio e...tutto si compie.

    Report

    Rispondi

blog