Cerca

Caos tedesco, colpo duro nella guerra degli stereotipi

La Germania traumatizzata per il passo indietro di Wulff. E ora come la mettiamo con chi ci sfotteva per Schettino?

Caos tedesco, colpo duro nella guerra degli stereotipi

Una giornata di fuoco, per Angela Merkel, venerdì 17 gennaio. I precisissimi teutonici, popolo senza macchia (in teoria) hanno assistito sconvolti alle dimissioni del presidente Wulff, costretto al passo indietro per aver ricevuto un prestito illecito da mezzo milione di euro per acquistare un'abitazione. Si tratta dello stesso Wulff a cui telefonò il nostro Giorgio Napolitano per comunicargli il Quirinale avrebbe voluto 'rimuovere' Berlusconi. Insomma, Wulff era considerato un interlocutore privilegiato, uno degli elementi di spicco dell'elite tedesca. E invece... E invece, Angela ha fatto "una figura di Merkel", ed è stata costretta ad annullare in fretta e furia la visita in Italia, dove era attesa da Monti. E pensare che la Cancelliera, solo una settimana fa, si pavoneggiava: "Da noi la corruzione la combattiamo con successo". Segue il commento di Martino Cervo.

Se la guerra finanziaria si sposta sul terreno dello sbraco, è fatta. La sberla per la rigorista col presidente dimissionario per la più italiana delle questioni private è forte e lascerà un segno, nella crisi in cui abbiamo imparato che la percezione influenza la realtà.

La buccia di banana del finanziamento di Wulff può avere molte più conseguenze della semplice soddisfazione nazionalpopolare per i teutonici che - tu guarda - rubacchiano. Tutta la forza politica dell’austerity di Berlino non può che uscirne indebolita come credibilità, per quanto comprensibilmente la sostituzione verrà venduta come immediata assunzione di responsabilità. Ma la superficiale apparenza dei professori d’Europa beccati con le mani nella marmellata se la gioca quanto a peso specifico col gol di Grosso nella semifinale 2006. Che arrivò, puntualissimo, a smontare le ambizioni tedesche di vincere il Mondiale in casa piegando gli italiani «mammoni maligni, viscidi e perennemente stanchi» (Spiegel del 27 giugno 2006).

Rimanendo al passato prossimo (prima la faccenda si farebbe troppo spinosa), la pistola sul piatto di spaghetti del solito Spiegel che qualificava gli italiani come pastaioli mafiosi subisce un secco contraccolpo, aggravato dal contesto. Perché qui non ci sono più in ballo orgoglio virile, turiste da concupire, competizioni di rutti o calzature imbarazzanti. Qui ci si gioca qualcosa di più, chiamato sopravvivenza: è un gol in trasferta, quantomeno. Che arriva, tra l’altro, dopo un’altra storica copertina dello Spiegel dedicata alla Costa Concordia. In occasione della quale apparve - sull’edizione on-line - il famigerato commento di Jan Fleischhauer sugli italiani tutti Schettino. In sostanza copiava pari pari le tesi di Beppe Severgnini sui connazionali smaniosi di far «bella figura» aggiustando la realtà alla meno peggio salvo impietosi ostacoli, talvolta sotto forma di debito pubblico incontrollato, talvolta di insidiosi scogli che si mettono all’improvviso sulla rotta tracciata. 

Nel cortocircuito innestatosi succede perfino che il Corriere deplori la deriva dell’informazione tedesca e se la prenda col suo editorialista per interposto crucco, ma pazienza. La grande e insaziabile prateria della guerra degli stereotipi in fondo ha sempre fatto un gran bene a tutti, perché - deplorando da un lato e fomentando dall’altro - funziona, eccita, divide in tifoserie. Come ha ricordato di recente Gian Antonio Stella, non è che la palma di primo cannone anti-italiano spetti allo Spiegel. La Süddeutsche Zeitung ha definito il Belpaese uno «stivale puzzolente», ha rappresentato l’ex premier Berlusconi come Nerone, ha descritto gli italiani come ubriaconi che «non lasciano mai la mancia». Anche la Bild  ci è andata pesante, e in fondo è una retorica che, specie in tempi di guerra dello spread, la politica se non coltiva tollera, ben più preoccupata del consenso interno che della tenuta politica dell’Europa.  Le risatine della Merkel e di Sarkò alla domanda su Berlusconi di qualche mese fa non sono figlie di un atteggiamento molto diverso. Sono una forma della stessa necessità di rappresentarsi in qualche modo migliori, e della più o meno consapevole volontà di dare un’immagine muscolare di tutela dei propri interessi commerciali e della propria affidabilità finanziaria. Per la Germania il discorso è due volte più stringente perché nell’attuale frangente Berlino è nelle condizioni perfette per fare la voce grossa, strozzando la Grecia e imponendo a colpi di austerity una camicia di forza in grado di mettere a rischio la possibilità di crescita per molti Stati, Italia compresa.

È per questo che il caso Wulff, di cui i lettori di Libero sono stati messi al corrente per tempo, può essere molto pesante sia per ragioni interne (la Merkel dovrà trattare coi partiti per la sostituzione del suo pupillo) sia esterne: difficile che un incidente del genere si riduca all’annullamento della visita a Roma per il bilaterale con Mario Monti. Per la natura dello scivolone, per il rapporto politico della Cancelliera con l’ormai ex presidente, per le pressioni che sulla Germania mezzo mondo fa convergere, queste dimissioni possono davvero essere un nodo a loro modo storico. Non calcare la mano, a livello mediatico e politico, rischia di essere un’occasione persa.

di Martino Cervo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dbell56

    18 Febbraio 2012 - 18:06

    Ora a quelli che si ostinano a parlare di leggi ad personam, voglio far loro delle domande. Se Berlusconi avesse goduto di leggi ad personam avrebbe speso fino ad oggi oltre 300 milioni di euro per potersi difendere dalle accuse che gli sono state mosse da magistrati "strani"? Se avesse goduto di leggi ad personam sarebbe sotto processo ora? Mah! Quando la più parte di coloro che usano un termine latino per riempirsi la bocca e la pancia di arie da intellettuale, solo perchè il termine "de quo" è usato ed abusato da certa stampa sinistrata tendenziosa a senso unico, significa che siamo di fronte ad una parte di quel popolo italiano che si è lasciato lobotomizzare da queste fonti di "smerdamento un tanto al chilo e per partito preso" perchè " dolce è il naufragar in questo mare".

    Report

    Rispondi

  • 22101938

    18 Febbraio 2012 - 16:04

    Il colonnello Georg Kein un Pinocchio in divisa terrorizzato dall’idea d’affrontare il nemico. Un comandante pavido e codardo pronto, pur di non combattere, ad autorizzare un bombardamento costato la vita a oltre cento civili afgani. Quello spensierato massacro costringerà alle dimissioni il ministro della Difesa tedesco Franz Josef Jung e verrà ricordato come una delle pagine più nere della missione Nato in Afghanistan.Ma la Germania ha prontamente occultato il fattaccio.Noi,almeno,possiamo sempre vantarci di aver avuto Fabrizio Quattrocchi.

    Report

    Rispondi

  • gitex

    18 Febbraio 2012 - 16:04

    il fatto che in Germania ( e non solo) i politici beccati con le mani nel sacco si dimettono, i nostri marcioni restano sempre incollati alla sedia gridando al complotto.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    18 Febbraio 2012 - 16:04

    I tedeschi sono forse più bravi a nascondere le loro magagne al mondo mentre gli italiani, per scoop o per soldi, cercano di esportarle ingrandite. Comunque è una lezione che alla Germania sta bene, spero che anche i loro giornalisti comincino a pubblicare ciò che va fuori delle righe

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog