Cerca

Zachy, transgender da record Ha soltanto cinque anni

Il caso nel Regno Unito: rifiuta di essere maschio, si veste da bimba e ha le trecce. I genitori ormai lo hanno accettato

Zachy, transgender da record Ha soltanto cinque anni

Si chiama Zach, ha soltanto cinque anni, è un maschietto ma già vive come se fosse una bimba e si fa chiamare Zachy. La storia di Zach Avery ha creato uno scandalo in Gran Bretagna. Il piccolo, di Purfleet - dell'Essex in Inghilterra - è il più giovane caso di diagnosi di "disturbo dell'identità sessuale". Da quando ha tre anni, infatti, Zach rifiuta l'idea di essere maschio: ha voluto solo abiti rosa, si è fatto crescere lunghi capelli biondi perché voleva farsi le trecce.

La diagnosi - Secondo i dottori si tratta di "una bambina intrappolata nel corpo di un maschio". Questa la diagnosi di chi ha visitato il caso unico, vista la giovanissima età. Theresa e Darren, i genitori di Zach, inizialmente erano preoccupati da questo cambiamento: "Un giorno ci disse di sentirsi una bambina. Diventava furioso se ci si rivolgeva a lui come un maschietto". Ma adesso si sono abituati: lo chiamano Zachy da oltre un anno e mezzo e lo lasciano vivere come se fosse una femmina. Addirittura la scuola che frequenta ha installato dei bagni "neutri" per venire incontro alle sue particolari esigenze.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • venezia85

    22 Febbraio 2012 - 10:10

    Io mi domando se questo bambino voleva diventare una scimmia i genitori lo lasciavano allo zoo??? ma come fanno ad assecondare una situazione così??? ma stiamo diventando completamente cretini? e come fate a dire: basta che tu sei contenta...??? spero che qualcuno di sano faccia ragionare i genitori e poi questo bambino!

    Report

    Rispondi

  • Chry

    22 Febbraio 2012 - 01:01

    Zachy, vivi felice chiunque tu voglia essere.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    21 Febbraio 2012 - 18:06

    questi sono tutti pazzi irrecuperabili.

    Report

    Rispondi

blog