Cerca

Il nuovo corso dello Yemen un'autobomba fa 21 morti

Attentato kamikaze davanti a una delle residenze presidenziali, a poche ore dal giuramento del successore di Saleh alla guida del paese

Il nuovo corso dello Yemen un'autobomba fa 21 morti

Un’autobomba guidata da un kamikaze è esplosa davanti ad una residenza presidenziale di Mukalla, nel sud-ovest dello Yemen, uccidendo 20 uomini delle forze speciali della Guardia repubblicana e provocando una decina di feriti. Lo hanno reso noto fonti militari precisando che l'attentatore ha azionato l’esplosivo a bordo del suo pick-up davanti all’ingresso del palazzo. L’attentato nel capoluogo della provincia di Hadrawat è avvenuto poche ore dopo il giuramento nella capitale Sanaa di Abd-Rabbu Mansour Hadi come nuovo presidente dello Yemen. Hadi è succeduto a Ali Abdullah Saleh, l’uomo forte che ha guidato il Paese negli ultimi 34 anni. Stando all’agenzia di stampa Dpa, la maggior parte delle vittime dell’attentato sono agenti della Guardia repubblicana, guidata da Ahmad Ali Abdullah Saleh, figlio maggiore dell’ormai ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh. Mukalla è la terza città dello Yemen.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • autores

    26 Febbraio 2012 - 23:11

    cioe',per fortuna che lo hanno fatto. dopo il padre doveva salire il figlio e non sarebbe neanche imporre un proprio Regime o una propria categoria di famiglia quando la gente va a votare per non averli fra i piedi. Io lo spero che la notizia sia vera per quanto si e' resa pubblica lo Yemen alla pubblica notizia.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    25 Febbraio 2012 - 18:06

    Sarebbe giusto alla parte che ha subito l'attentato. Andando avanti così, potrebbero eliminarsi tutti in un paio d'anni. Bisognerebbe pianificarli un po', mi sembra facciano tutto a casaccio.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    25 Febbraio 2012 - 18:06

    dobbiamo assistere ai massacri nei paesi islamici arretrati e miserabili , onestamente ne ho piene le scatole , che si ammazzino pure tra loro , è il loro passatempo preferito. Purtroppo c'è il risvolto che ci riguarda ,quello dei poveracci che ci invadono , in fuga dalle guerre e povertà. Invece di migliorare peggiorano , orientandosi vieppiù verso l'islamismo duro che li porterà al disastro . Non se ne rendono conto e noi dovremo sorbirci le conseguenze della loro incapacità e stupida arroganza e soprattutto sganciare soldi per accoglierli e doverli sopportare a casa nostra. Ringraziamo l'UE.

    Report

    Rispondi

blog