Cerca

La Costa Allegra è arrivata nel porto delle Seychelles

La nave ha appena attraccato dopo un'odissea di 3 giorni a causa di un black out . Molti passeggeri proseguiranno la vacanza sull'isola

La Costa Allegra è arrivata  nel porto delle Seychelles

La nave da crociera Costa Allegra con oltre mille persone a bordo, in avaria dopo un incendio nella sala macchine, è arrivata stamani nella capitale delle Seychelles dopo tre giorni in mare senza elettricità. Un peschereccio d'altura francese ha rimorchiato la Costa Allegra nel porto di Victoria, dove ad attendere c'erano ambulanze, una squadra della Croce Rossa e una serie di bus. Sulla nave - di proprietà di Costa Crociere che il 13 gennaio si è trovata a dover gestire il naufragio della Concordia al Giglio - lunedì si era sviluppato un incendio che ha messo fuori uso il principale generatore e quindi i motori, durante la navigazione nell'Oceano Indiano, in acque infestate dai pirati. Una squadra di Costa Crociere, controllata della statunitense Carnival, era salita a bordo ieri per prendere accordi per la sistemazione negli alberghi e per le prenotazioni dei voli per i 636 passeggeri e i 413 membri dell'equipaggio. I passeggeri, tra cui quattro bambini, sono di 25 nazionalità diverse. Tra loro 126 sono italiani.

La testimonianza -  E' stato molto difficile stare a bordo della nave senza energia elettrica, ma non ci sono state scene di panico". Lo ha detto un passeggero italiano appena sbarcato dalla nave Costa Allegra nel porto di Mahè alle Seychelles e intervistato da SkyTg24. Insieme a lui anche gli altri passeggeri che hanno toccato terra hanno potuto tirare un sospiro di sollievo dopo tre giorni in mare senza energia elettrica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    01 Marzo 2012 - 13:01

    Adesso non esageriamo con le trasgressioni che questa società, orientata verso consumi futili e di dubbia moralità, sta rivisitando in forma un poco da forcaioli. La Costa Concordia vendeva sogni di ricchezze mai possedute a gente che almeno una volta nella vita volevano vivere nell'agiatezza. Per favore nessuna criminalizzazione a comportamenti che sono insiti nella nostra società. E' giusto chiedersi perché stiamo raggiungendo i limiti di autodistruzione? La morale religiosa non è una questione che riguarda sempre gli altri. La libertà è scambiata per permissivismo ed il sesso è esaltato oltre ogni limite di decenza. Non voglio fare il predicatore alla Celemtano, ma, considero illiberale e trasgressiva la nostra società. L'educazione è un concetto superato e fuori moda. I discorsi sono sempre inficiati da parolacce che, per alcuni, rendono pregnanti le affermazioni. Un parallelo lo si può tracciare, stiamo affondando inesorabilmente come il Concordia!

    Report

    Rispondi

  • greysmouth

    01 Marzo 2012 - 12:12

    Non è colpa dei politici, se tutto non funziona. La colpa è solo degli italiani, anche dei giornalisti quando censurano la verità e non filtrano i commenti dei deficienti. Sì, c'è un commento talmente idiota da far pensare ad un deficit mentale. Paese dei poveri, degli straccioni, degli ignoranti. Ucciso il merito, la qualità va a farsi benedire, anche quella umana, siamo appiattiti sulla mediocrità, il qualunquismo dei sentito dire, la verità viene dal Partito, non dall'istruzione e dalla formazione umanistica.

    Report

    Rispondi

  • Tina Ferrari

    01 Marzo 2012 - 11:11

    Si, ma non dimentichiamoci che questi sono pur sempre in vacanza !! Magari pensiamo anche a quei poveri cristi che lavorano davanti ai forni per le colate di acciaio....senza aria condizionata da sempre e magari x prendere in un mese quello che i tipi imbarcati sulla Costa Allegra spendono x un pranzo. Basta, cerchiamo anche di ridimensionare le cose.

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    01 Marzo 2012 - 10:10

    ....sento odor di boicottaggio. La prima nave' e' affondata per un errore mortale del comandante ma questa qui come mai ha avuto un incidente del genere? Come vanno le azioni della Costa?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog