Cerca

India ipocrita: i suoi soldati stupratori in Congo, ma il processo lo fanno a casa

Sui delitti dei suoi caschi blu Onu in Africa Nuova Delhi non ha avuto dubbi sulla giurisdizione. Ma con i marò...

India ipocrita: i suoi soldati stupratori in Congo, ma il processo lo fanno a casa

Difficile trovare un precedente al caso dei due marò: sia se accettiamo il punto di vista italiano che il fatto sia avvenuto in acque internazionali; sia se accettiamo il punto di vista indiano che il fatto sia avvenuto in acque territoriali indiani. Nel primo caso, infatti, gli indiani avrebbero arrestato due militari italiani per un’azione compiuta in territorio italiano. Nel secondo caso, ci troveremo di fronte a un’azione compiuta da militari di un Paese nel territorio di un altro Paese, il che possono fare o nemici, o alleati. I nemici non vengono però arrestati e processati ma detenuti come prigionieri di guerra, in attesa della risoluzione del conflitto. Mentre per gli alleati provvedono gli accordi intercorsi. Come accadde per i militari statunitensi imputati per la strage del Cermis, che furono processati (e assolti) da una corte militare Usa. E come è accaduto per i 12 ufficiali e 34 soldati del contingente di Caschi Blu indiani in Congo: che per abusi sessuali ai danni di donne congolesi lo scorso luglio sono stati posti sotto processo in India, e non in Congo.

Cermis e Okinawa - Semmai, anzi, sarebbe stato più corretto estradare i Caschi Blu indiani in Congo che non detenere i due marò in un carcere indiano. I due marò, come gli aviatori americani del Cermis, sono accusati di un errore mentre svolgevano servizio comandato, e non di un reato comune. A Okinawa capita abbastanza spesso che la polizia giapponese arresti i militari di servizio nella locale base Usa, per una varietà di reati comuni che va dallo stupro al furto d’auto, al teppismo: il governo Usa non ha la pretesa che questi comportamenti siano coperti da immunità, che hanno avuto invece gli indiani per i loro militari in Congo. Si può anche ricordare che Kappler condannato in Italia per la strage delle Fosse Ardeatine era detenuto in un carcere militare, e Noriega catturato come prigioniero di guerra una volta condannato per reati comuni nel carcere Usa ha continuato a godere dei diritti di prigioniero di guerra. Visto che gli indiani hanno preteso di far giudicare da un tribunale militare i loro militari stupratori colpevoli di reati comuni, ancora di più il diritto al rispetto del loro status dovrebbe essere garantito a due marò.   Va detto che la presenza di militari a bordo di navi mercantili in funzione anti-pirateria ha creato uno scenario nuovo.

Strategie - Ma «ogni decisione di definire una situazione come stato o atto di guerra è di natura eminentemente politica e non giuridica» ci ricorda Ricardo Scarpa: docente di Diritto Comunitario a Roma Tre e esperto di Diritto Internazionale. Proprio Scarpa ci aiuta a definire alcune possibili strategie di risposta, nel caso la via diplomatica dovesse arenarsi. «Innanzitutto, un magistrato italiano potrebbe provare a chiedere l’estradizione dei due marò per farli giudicare in Italia». Gli indiani però insistono che la cosa è avvenuta nel loro territorio. «E allora si dovrebbe andare alla Corte dell’Aja. In ipotesi, il principio che una nave italiana è territorio nazionale potrebbe scattare l’ipotesi di attacco a un Paese membro invocata dal Patto Atlantico, che obbligherebbe gli altri Paesi membri a intervenire in difesa dell’alleato. Sicuramente la Nato avrebbe più motivazioni per agire di quante non ne abbia avuto per intervenire in Libia».  Il che implicherebbe una soluzione estrema militare. «Se la diplomazia e la politica non funzionano, la prosecuzione della politica con altri mezzi è una soluzione militare. Come insegna Clausewitz».

di Maurizio Stefanini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • exmilitare

    04 Novembre 2014 - 15:03

    anche i soldati alleati nel secondo conflitto hanno stuprato le nostre donne e nessuno ha detto mai nulla vergogna,I DUE MARO' per ben due volte gli indiani li hanno mandati a casa a festeggiare il natale nota bene loro non sono cattolici e i nostri idioti politici li hanno rispediti al mittente bisogna veramente essere IDIOTI come solo i nostri politici sanno essere sulla pelle degli altri

    Report

    Rispondi

  • jesseduke

    08 Marzo 2012 - 18:06

    Perchè continuano sulla loro pelle a pagare l'inettitudine dei nostri politici negli anni dei ragazzi che credono in questa Patria? Ma diavolo il Cermis...............abbiamo calato le braghe per quella terrorista reclusa negli USA e adesso ci facciamo mettere sotto dall'India! Elezioni locali? Ma che cavolo dicono? Perchè non abbiamo una diplomazia in grado di tuonare contro queste porcate???? Quanti Indiani sono qui a vendere i loro polli tandoori? Fuori gli attributi! Minacciamo di rispedirli a casa se non ci danno i nostri Ragazzi! Basta Italiani nel mondo uccisi, incarcerati....villipesi! BASTA!!!! VOGLIO CHE LA BANDIERA DEL MIO PAESE SVENTOLI DI NUOVO ORGOGLIOSA! Rivoglio l'Italia, l'Italia di Cavour, di Mazzini, di Garibaldi, dei ragazzi morti nelle trincce del Carso, l'Italia sconfitta che è rinata il 2 giugno! E ora prova a rialzare la testa! Io non scappo: io resto qui con i miei figli perchè VOGLIO vivere nella mia ITALIA! Alla faccia di Bossi e l'India!

    Report

    Rispondi

  • romamaccio

    07 Marzo 2012 - 19:07

    Conoscono bene il proprio popolo, anche dalle loro parti c'è gente che vive di espedienti, la loro criminalità ha messo in atto un piano dando un messaggio all'Italia che non accettano navi equipagiate con la protezione di militari armati. Vogliono lasciare che criminali abbiano modo di sequestrare le nostre navi indisturbati chiedendo come già è successo milioni di euro di riscatto.

    Report

    Rispondi

  • alfi1983

    07 Marzo 2012 - 18:06

    popolo indiano conosciuto in Sud Africa : persone di natura falsa, truffaldina e lazzarona. e noi popolo italiano sempre remissivo, ad ospitarli ad accudire al nostro bestiame. mandiamoli tutti a casa loro a pascolare ....... , fuori dai coxxn !!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog