Cerca

Marò, "Figura da peracottai" Maroni rimpiange Frattini

L'inviato in India De Mistura: "Gli avvocati di stato studiano la difesa". Berlusconi in Russia da Putin per mediare

Marò, "Figura da peracottai" Maroni rimpiange Frattini

La Farnesina accelera sul caso dei due marò detenuti in India. Dopo settimane di titubanze, è ancora una volta l'inviato diplomatico Staffan De Mistura a prendere in mano le redini della trattativa con le autorità di Nuova Delhi, dopo che mercoledì il premier Monti è intervenuto diretatmente per la prima volta telefonando al collega indiano per ribadire che "la giurisdizione del caso è italiana, perché la sparatoria in cui sono morti due pescatori a Kochi è avvenuta in acque internazionali". Parole che non hanno smosso di un millimetro la posizione intransigente del governo indiano. E non aiuta di certo la prudenza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, preoccupato per le evantuali ripercussioni negative sui rapporti economico-commerciali tra i due paesi.

Difesa di stato - Ma De Mistura, come detto, va avanti spedito. "Ho appena incontrato i due nostri militari e stanno bene: vivono la situazione con la dignità di marò e di soldati italiani", riferisce il sottosegretario agli Esteri ad Agorà, su Raitre". "Ho portato loro - ha aggiunto de Mistura riferendosi ai militari Massimiliano Latorre e Salvatore Girone - il messaggio di solidarietà del presidente Napolitano. Insieme a me ci sono anche due avvocati dell'Avvocatura di Stato per mettere a punto la linea di difesa".

Silvio da Putin - E in aiuto dei marò potrebbe intervenire anche la Russia. Silvio Berlusconi, infatti, mercoledì è volato a Mosca per festeggiare la rielezione al Cremlino dell'amico Vladimir Putin. Con sé il Cavaliere ha voluto soltanto il deputato Valentino Valentini, oltre ovviamente ai ragazzi della sua scorta. Trattasi di visita privata. E privato è rimasto il programma della tre giorni in terra russa. Dopo il ricevimento di ieri sera, svolto in un luogo top secret (forse in una dacia fuori San Pietroburgo), è possibile che Silvio e il presidente russo possano spostarsi a Soci, sul Mar Nero,  con la  presenza temporanea anche del presidente uscente Dmitri Medvedev. Il portavoce di Putin, Dmitri Peskov si limita a dire che l'incontro "sarà un’opportunità per parlare tra loro". Berlusconi e Putin dovrebbero trascorrere insieme un paio di giorni, fino a venerdì. Silvio vorrebbe andare in pressing per sbloccare la situazione dei marò: la Russia ha ottimi rapporti politici e commerciali con l'India. Ma non è detto che lo faccia, perché Mario Monti non ha chiesto la sua intercessione. Date le evoluzioni dell'ultima ora Berlusconi avrebbe preferito chiamarsi fuori dalla vicenda, pur sapendo di poter far valere i suoi rapporti con Putin in qualsiasi momento, a prescindere dalla sua presenza fisica in Russia.

Parla Maroni -  "I limiti del governo dei professori emergono evidenti anche in politica estera, ci fanno fare una figura da peracottai. Sono convinto che con il ministro Frattini la vicenda marò si sarebbe risolta subito e positivamente. Solidarietà ai nostri valorosi soldati". Lo scrive, sulla sua pagina Facebook, l'esponente della Lega ed ex ministro degli Interni Roberto Maroni.

 

Leggi i retroscena dell'incont Berlusconi-Putin
su Libero in edicola oggi, giovedì 8 marzo

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lenzed

    09 Marzo 2012 - 06:06

    Naturalmente, ha ragione Maroni. Ma purtroppo la storia non si può riscrivere con i “se”. Ma, se si potesse... beh, allora sarebbe facile. Immaginate un po' voi “se” al posto del Professore della Bocconi ci fosse stato il Maestro di Predappio..., tanto per restare in ambiente didattico. Credete voi bella gente che un console italiano di quell'epoca avrebbe consegnato agli indiani due militari italiani?! E che avrebbe permesso loro di perquisire una nave italiana!? Personalmente non ho particolare nostalgia del ventennio, ma non faccio parte di coloro che dicono che Mussolini aveva sempre torto anche quando aveva ragione. Per quanto concerne gli indiani, ho visitato Calcutta e Bombay trentotto anni fa e da trentanni vivo in un paese anglosassone dove di indiani ne abbiamo parecchi. Giusto stamane, ne ho incrociati due al supermercato. L'impressione che danno e' di gente indolente, servile, poco sincera e che non faccia grande uso di sapone e shampoo, Yes Sir!, come dicono loro.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    09 Marzo 2012 - 00:12

    ci stiamo effettivamente facendo la figura dei peracottari. E su questo non c'è alcun dubbio. Quanto a frattini... Dio ce ne scampi! Se ripenso a come lui e La Russa hanno gestito la questione della Libia, mi vengono i brividi! Il compagno presidente non si capisce bene da che parte stia. E quell'inutile e costosissimo baraccone chiamato onu, cosa sta facendo? E' vero sì o no che i nostri militari sono sulle navi per mandato dell'onu? Quanto agli indiani, sono veramente meschini! Vogliono soldi, e questo si è capito, ma il fatto che rimandino continuamente la perizia balistica, o cerchino addirittura di non farla, dimostra quanto sono in malefede. Speriamo nell'amicizia fra Berlusconi e Putin...

    Report

    Rispondi

  • blackbird

    08 Marzo 2012 - 21:09

    "la giurisdizione del caso è italiana, perché la sparatoria in cui sono morti due pescatori a Kochi è avvenuta in acque internazionali" qui si deve chiarie l'accaduto! Secondo quanto letto finora i due fatti non sarebbero collegati. I militari italiani avrebbero sparato in aria e in acqua per intimidire una imbarcazione che si stava avvicinado troppo alla petroliera, in acque internazioali. I pescatori sarebbero stati uccisi durante uno scontro con una nave in acque indiane, in un tempo successivo, alla sparaatoria che coinvolse la petroliera italiana. Sull'episodio denunciato dai nostri militari sarebbe competente l'Italia. Sui fatti dei pescatori, l'India. Ma, come dicevo prima i due fatti non sarebbero collegati. Sarebbe come indagare un poliziotto che spara ad un rapinatore a Milano, per una persona uccisa a Varese il giorno dopo! Oppure: qualcuno non dice la verità.

    Report

    Rispondi

  • chaika

    08 Marzo 2012 - 21:09

    ma per favore Maroni, ci risparmi certe esternazioni di una stupidita' cosmica! Il sig Frattini, al massimo avrebbe potuto offrire lezioni di sci gratuite nella valle di Manali a qualche politico indiano

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog