Cerca

Gheddafi jr cacciato da Niger Spende tutto in donne e auto

Il figlio del Rais, Saadi, ha avuto l'asilo politico dal paese centrafricano. Ma spende 100mila dollari al mese in vizi

Gheddafi jr cacciato da Niger Spende tutto in donne e auto
Il presidente del Niger, Mahamadou Issoufou, ogni giorno che passa maledice quella volta in cui per fare un favore a Muammar Gheddafi ha concesso asilo politico al terzogenito del colonnello. Non l'avesse mai fatto. Saadi Gheddafi, 38 anni, che ha alle spalle tutta una serie di trascorsi italiani più o meno noti e poco lusinghieri, ha preso alla lettera la regola dell'ospitalità nel mondo musulmano. Dallo scorso 6 settembre è riparato nella capitale Niamey e se ne vive come uno sceicco, a spese del presidente Issoufou e soprattutto del popolo nigerino. Nei primi tempi Saadi aveva mantenuto un basso profilo.

L'Interpol aveva spiccato un mandato d'arresto nei suoi confronti su richiesta del nuovo governo libico, che lo accusa di «appropriazione indebita» tramite la forza e «intimidazione armata» quando era a capo della Federazione libica di calcio. Insomma, qualcosa per cui finire facilmente di fronte a un boia di Tripoli. Ma quando si è sentito al sicuro in Niger, Gheddafi jr si è scatenato. Non gli bastava più la residenza extralusso messa a disposizione dalle autorità. Prima di tutto ha pensato alla sua immagine. Ha chiesto e ottenuto il sarto personale del presidente e una fiammante Chrysler 300 con cui sfrecciare per le vie della capitale, con tanto di autista e scorta. Ma soprattutto ha dato sfogo alla tradizione familiare del “bunga bunga”, riunendo nella sua residenza le migliori escort del Paese e altre che sono arrivate dall'estero. Il tutto accompagnato da casse di champagne costosissimo, prelibatezze esotiche e i suoi immancabili sigari cubani. E intanto, i poveri nigerini pagano. Poveri in senso letterale perchè, mentre Saadi spende e spande, il 92% della popolazione vive nell'indigenza assoluta. Almeno i tesorieri del presidente stanno tenendo i conti di quella che sembra una nuova voce del bilancio nazionale. Per il mantenuto libico, infatti, sono stati spesi ben 600 mila dollari in sei mesi e ogni giorno che passa altri verranno fagocitati dall'ingordigia di Gheddafi jr.

Non si può più andare avanti così. Issoufou ha messo Saadi sotto sorveglianza e ora vuole a tutti i costi liberarsi di questo ospite scomodo che rischia di rovinargli la festa per il primo anno di presidenza. Così sono stati avviati dei negoziati con Tripoli per rispedire alle autorità libiche il loro connazionale e in cambio il Niger otterrebbe forniture di petrolio per cinque anni. Saadi è poi un rischio per la fragile stabilità della regione. Nelle ultime settimane ha lanciato proclami in cui invita le tribù fedeli all'ex rais a sollevarsi contro il governo libico. Gli italiani lo conoscono bene: ha collezionato come giocatore di calcio panchine e figuracce, e per la sua irruenza è stato perfino cacciato dal Billionaire di Porto Cervo.

di Alessandro Carlini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    10 Marzo 2012 - 10:10

    di questo energumeno a suon di 100.000 dollari al mese. Probabimente la popolazione vive con , forse , 10 dollari al mese . Da ciò si evince quanto sono svegli.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    08 Marzo 2012 - 19:07

    in inglese sarebbe soltanto un " fucker" ...that's all.

    Report

    Rispondi

  • sumeana

    08 Marzo 2012 - 19:07

    Deve cosi correre prima di raggiungere certi nostri politici. "Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello"

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    08 Marzo 2012 - 15:03

    E' figlio di suo padre e come tale si comporta. Che pena!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog