Cerca

Nigeria, tragico blitz Ucciso ostaggio italiano

Lamolinara, rapito nel maggio 2011, muore nel corso dell'operazione delle teste di cuoio britanniche per liberarlo. Catturati i killer

Nigeria, tragico blitz Ucciso ostaggio italiano
E' stato ucciso in Nigeria l'ostaggio italiano Franco Lamolinara, rapito il 12 maggio 2011. Il nostro connazionale è morto nel corso di un'operazione condotta dalle forze di sicurezza nigeriane, con il sostegno di quelle britanniche, intesa a liberare gli ostaggi. Nel corso del blitz è stato ucciso anche l'ostaggio britannico Cristopher Mc Manus. Secondo la prima ricostruzione fornita dalle forze britanniche, l'uccisione dei due ostaggi è stata opera dei sequestratori. La notizia della morte di Lamolinara è stata comunicata al premier, Mario Monti, nel corso del pomeriggio di giovedì 8 marzo, quando il presidente del Consiglio era a bordo dell'aereo che lo riportava a Roma da Belgrado. Palazzo Chigi ha espresso tutto il suo disappunto per essere stato informato dell'operazione solo a raid in corso. e successivamente Monti ha chiesto al presidente della Nigeria in una conversazione telefonica di avere al più presto una ricostruzione dettagliata delle circostanze che hanno portato all'uccisione dei due uomini.  Il premier britannico David Cameron ha confermato di aver autorizzato in prima persona il raid.

Tutti i connazionali rapiti nel mondo
Leggi l'approfondimento


Catturati i killer - Il presidente nigeriano, Jonhathan Goodluck, intorno alle 20.30 ora italiana ha riferito che i killer dei due ostaggi sono stati arrestati. Secondo quanto riferito dal presidente nigeriano si tratterebbe di membri di Boko Haram (letteralmente "l'educazione occidentale è un peccato"), una setta religiosa di matrice fondamentalista islamica attiva in Nigeria e che chiede l'istituzione della Shari'a come norma vigente per tutti e 36 gli Stati della nazione. Il gruppo, uno dei più attivi e pericolosi in Africa, fu fondato nel 2002.

L'ultima possibilità - Il premier britannico David Cameron ha espresso a Monti profondo cordoglio per la vittima italiana, rammaricandosi del drammatico esito dell'iniziativa militare decisa dalle autorità nigeriane e britanniche nella convinzione che questa fosse l'ultima finestra di opportunità per salvare la vita degli ostaggi. Dal momento del sequestro le autorità italiane avevano seguito la vicenda in stretto collegamento con quelle britanniche. Nelle ultime ore si è verificata un'accelerazione imprevista e, nel timore di un imminente pericolo di vita per gli ostaggi, l'operazione è stata avviata autonomamente dalle autorità nigeriane con il sostegno britannico, informandone le autorità italiane solo ad operazione avviata. Il Presidente del Consiglio, anche a nome del Governo, esprime commossa partecipazione al generale cordoglio e sentimenti di profonda solidarietà ai famigliari per la tragica scomparsa di Franco Lamolinara.

Chi era Lamolinara - Lamolinara era un tecnico di Gattinara, in provincia di Vercelli, 47 anni, e viveva da circa dieci anni in Nigeria, dove lavorava per la società di costruzioni Stabilini Visinoni Limited. Il suo ultimo impego era stata la costruzione di un edificio della Banca centrale a Birnin Kebbi, capitale dello stato nell'estremo nord-ovest della Nigeria, vicino al confine con il Niger. Lamolinara era stato rapito a maggio insieme all'ingegnere britannico che lavorava nella sua stessa società. Secondo il racconto fornito dalle forze dell'ordine, i rapitori lo scorso maggio fecero irruzione nell'appartamento dove Lamolinara viveva con il suo collega, e non avevano prelevato "un'importante somma di denaro in contanti" che si trovava nella casa. Il sequestro coinvolse anche un ingegnere nigeriano, che fu ferito con colpi di arma da fuoco, e un collega di nazionalità tedesca, che riuscì a fuggire scavalcando una rete metallica all'esternod dell'edificio. A Gattinara, città d'origine di Lamolinara, è stato proclamato il lutto. Nel paesino, circa ottomila abitanti, vive la famiglia di Lamolinara, la moglie Anna, impegnata nell'Accademia dello sport, e i figli, oltre al fratello bruno.

Il precedente -  Nel 2007 c'era stato un altro funesto precedente, in cui un italiano aveva perso la vita, e anche in quell'occasione furono coinvolte le truppe di Londra. Il 24 settembre di quell'anno, in Afghanistan, l'agente del Sismi, Lorenzo D'Auria, fu gravemente ferito nel corso di un altro blitz che in quell'occasione fu operato congiuntamente da forze speciali britanniche e italiane. D'Auria morì per le ferite il successivo 4 ottobre all'ospedale militare del Celio.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    09 Marzo 2012 - 01:01

    che c'entrano gli Americani? perche' lei se rapiscono un Americano interviene? eh? Il fatto e' che i nostri se ne strafregano e a cose fatte si lamentano di non essere stati interpellati, come se cambiava qualcosa. Diciamolo, siamo rappresentati da incapaci che pensano solo a papparsi piu' soldi possibile e non fanno niente per la gente. e d'alema si vada a nascondere adesso.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    08 Marzo 2012 - 20:08

    D’Alema si meraviglia che Cameron non gli abbia detto niente. E gli uomini dell’AISE, simile alla Central Intelligence Agency statunitense, dove sono? Aspettano seduti nei salotti chic che gli altri tolgano le castagne dal fuoco? Perché sin dall’inizio non hanno partecipato alle trattative e ai tentativi di liberarli? Di certo non sarà stato loro vietato!

    Report

    Rispondi

  • arctotis

    08 Marzo 2012 - 20:08

    Non so darmi pace al pensiero che accettiamo tutto passivamente.La barbarie non crea più indignazione,i soprusi e le ingiustizie le accettiamo come giuste espiazione di peccati originali...questo è il mio Paese.Un Paese che non sa pìù riconoscersi nella Sua storia, un Paese che supino si raggomitola in se stesso nella speranza che non venga additato,un Paese dove la libertà non è altro che una finzione, una parola senza significato perchè non sappiamo usarla....sono stanca di questo popolo dormiente, di questa cosidetta "società civile"che accetta l'umiliazione e non l'orgoglio di essere un cittadino italiano.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    08 Marzo 2012 - 20:08

    Tra navigazione(10 anni di petroliera)e trasferte in giro per il mondo ci sono da 38 anni.Medio Oriente,tanzania,Congo,Angola,Mauritania....Ed in Nigeria,precisamente a Port Harcourt,ci sono stato 2 anni..Malaria,tifo,colera,serpenti,ragni,insetti e chi piu' ne ha piu ne metta.Già allora era piuttosto pericoloso muoversi per la delinquenza che c'era,,ma mai come adesso.Una volta c'era Babanghida e di movimenti terroristici tipo Boko Haram proprio non se ne sentiva parlare.Li seccava tutti appena alzavano la cresta.Adesso che c'è la democrazia è peggio di 20 anni fa.Mai lavorato in Italia.Quando lo cercavo mi dicevano che a 30 anni ero troppo vecchio per lavorare.Tanto vecchio che tra non molto devo partire con una compagnia petrolifera americana per le piattaforme al largo del Costa Rica.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog